Il gol più bello della Roma: la ricerca dei bambini spariti ora coinvolge 200 squadre

Anche le grandi rivali partecipano all’iniziativa su Twitter

di Redazione, @forzaroma

Tutto è partito da calcio e musica, le due grandi passioni di Paul Rogers, Chief strategy officer della Roma. Il filmato di una canzone dei Soul Asylum, intitolata “Runaway Train”, mescolava immagini della rock-band a quelle di bambini scomparsi negli Stati Uniti, nel tentativo di tenere accesa la fiammella della speranza di un loro ritrovamento. Rogers ha trasferito l’idea sui social giallorossi, abbinando la foto di un bambino scomparso alla presentazione di ogni nuovo acquisto della Roma, scrive Luca Valdiserri sul “Corriere della Sera”.

Un’iniziativa – in collaborazione che l’International Centre fo r Missing and Exploited Children – che ha aiutato a ritrovare sei adolescenti, anche attraverso 11 milioni di visualizzazioni dei video in tutto il mondo. Il mondo della tutela dei minori e quello del calcio si sono uniti in occasione della Giornata internazionale dei bambini scomparsi e più di 200 club di 61 nazioni e 6 continenti si sono impegnati a supportare l’iniziativa di Football Cares. Il progetto ha il supporto dell’Eca (l’Associazione dei club europei, che ha come presidente Andrea Agnelli) e della Fifa: attraverso una semplice segnalazione sugli account Twitter ha dato visibilità a decine e decine di bambini separati dalle rispettive famiglie. La Roma, che è stata l’apripista, ha curato la regia di tutta l’operazione, che ha messo insieme, per una buona causa, anche acerrime rivali come Real Madrid e Barcellona, Manchester United e Liverpool, Celtic e Rangers Glasgow, Galatasaray e Fenerbahce, Flamengo e Corinthians, naturalmente Roma e Lazio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy