Il giovedì di Europa League, da scocciatura a salvezza

Il giovedì di Europa League, da scocciatura a salvezza

Roma-Gent ultima spiaggia:serve una vittoria o sarà crisi conclamata

di Redazione, @forzaroma

La partita di Europa League, il giovedì sera, era temuta dagli allenatori come la peste bubbonica, scrive Luca Valdiserri su “Il Corriere della Sera”. Poco tempo per recuperare le energie in vista della domenica; stadi (almeno quelli italiani) mezzi vuoti o vuoti del tutto; premi Uefa nettamente inferiori a quelli della Champions League; motivazioni per i calciatori da cercare con il lanternino. Bei tempi. Per la Roma edizione 2020, l’Europa di scorta non è più una scocciatura ma una possibilità. Praticamente l’ultima spiaggia. Il campionato sta precipitando, la Coppa Italia invece è già finita. L’Europa League, così, è diventata importantissima. La Roma non si è coperta di gloria nel girone eliminatorio (seconda dietro all’Istanbul Basaksehir) ma è stata relativamente fortunata nel sorteggio: affronterà i belgi del Gent, imbattuti nella competizione però senza uno dei migliori giocatori, l’ucraino Yaremchuk, infortunato. I più ottimisti tra i tifosi giallorossi ricordano che la vincitrice di Europa League ha un posto garantito in Champions per la prossima edizione (per di più in prima fascia). Ai meno ottimisti basterebbe, per il momento, passare il turno. Poi si vedrà. Ieri, a Trigoria, lavoro atletico e tattico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy