I “se” di Patrik, il ragazzo delle sliding doors

I “se” di Patrik, il ragazzo delle sliding doors

L’ultimo granello della clessidra, più del talento e della voglia, a volte decide le vite

di Redazione, @forzaroma

Se il suo amico/nemico Edin Dzeko, scrive Paola Di Caro sul Corriere della Sera, avesse detto che in fondo se la sentiva di giocare la partita contro il Sassuolo? Se al posto di una valanga di fischi lo stadio Olimpico gli avesse concesso un applauso? Se lo sgambetto fosse stato appena più leggero e l’arbitro avesse cambiato idea sul calcio di rigore guardando la Var?

Se quella palla da lui dolcemente accarezzata di sinistro in rete per il 2-0, un minuto prima, da lui colpita goffamente, per un solo millimetro più in là si fosse trasformata nel più crudele degli autogol? Se nella corsa solitaria e vincente verso Consigli gli fosse tornato in mente quell’attimo di un anno fa, quando invece, di fronte a Szczesny, imboccò la strada sbagliata al bivio tra la gloria e la derisione? Se tutto fosse andato al contrario di come è andata stavolta, come sarebbe finita la sua carriera?

L’ultimo granello della clessidra, più del talento e della voglia, a volte decide le vite. A volte a decidere è il caso. E se fosse il caso di tenerselo stretto e di credere in Patrik Schick?

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 1 anno fa

    Ma lasciatelo “crescere” in pace! Altrimenti si ottiene l’effetto contrario. Ricordate Under, fenomeno allorquando la stampa gli attribuì un valore elevato in milioni di euro? Si “gazò” talmente il giovane, tanto da disputare almeno due partite in tono assai minore del consueto. Questi giovani non devono essere innalzati agli “onori dell’Altare” ma vanno SOLAMENTE monitorati. E basta. Altrimenti si farebbe, a loro, solo danno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy