Flaminio, decisione chiara

Tante idee che per la loro fragilità porteranno a un nulla di fatto. L’ultima risposta sarà del Campidoglio

di Redazione, @forzaroma

Lo stadio Flaminio, restaurato come si deve, potrebbe affiancarsi validamente all’Olimpico. Un mese fa il Campidoglio ha presentato il Piano di conservazione della struttura che, dopo tanti anni di abbandono e degrado, sembrava potesse iniziare una nuova fase. Di fronte al tribolato procedere del nuovo stadio a Tor di Valle, Friedkin è balzato sull’ipotesi di utilizzare il Flaminio chiedendo a Renzo Piano di rimettere in esercizio l’opera di Nervi. Si è pensato, scrive Giuseppe Pullara sul “Corriere della Sera”, anche di destinare l’Olimpico alla Roma e il Flaminio alla Lazio, ma Lotito non è proprio interessato. Si predispone una sequela di idee che, per la loro fragilità, porteranno ad un nulla di fatto. Sta al Campidoglio, proprietario della struttura, prendere una decisione chiara e forte, in coerenza con l’impegno espresso ufficialmente di ridare il Flaminio ai romani.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy