Fiducia a Mayoral. Fonseca: “Chi non ha coraggio non può giocare nella Roma”

Contro il Genoa senza Dzeko, confermato lo spagnolo. Il tecnico: “L’importante è che la squadra non cambi mentalità”

di Redazione, @forzaroma

Tre punti da conquistare a Marassi e uno da recuperare lunedì alla Corte d’appello Federale, che deciderà sul ricorso della Roma per la sconfitta a tavolino comminata dal giudice sportivo alla prima giornata contro il Verona per il caso- Diawara. È questo, scrive Gianluca Piacentini sul Corriere della Sera, il piano di Paulo Fonseca, che vuole sfruttare un turno di campionato che prevede almeno tre partite – Lazio-Juventus, Atalanta- Inter e Milan-Verona – da cui potrebbero arrivare buone notizie in chiave classifica, ma solamente se la formazione giallorossa farà in pieno il proprio dovere. Guarda avanti, Fonseca, perché “il passato non è importante se non possiamo costruire il futuro. E il futuro, per me, è la partita contro il Genoa“.

Il tecnico ha fiducia nei suoi uomini chiamati a confermarsi a Genova dopo una serie di buone prestazioni, anche senza Edin Dzeko, il capitano fermato dal Covid. “Sappiamo l’importanza di Edin, era in un momento positivo, aveva fatto una grande partita contro la Fiorentina. Con il Genoa giocherà Borja Mayoral: è un giovane e ha bisogno di tempo per adattarsi, ma l’importante è che non cambino le intenzioni offensive della squadra. L’obiettivo e la forma di giocare devono essere gli stessi“. Fonseca vuole una squadra coraggiosa: “Ci deve essere coraggio anche contro il pressing avversario: non buttar via la palla è un atteggiamento che può portarti dei vantaggi, anche se ogni tanto si fanno degli errori. Un giocatore senza coraggio non può giocare in questa squadra“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy