Elezioni, sul Raggi bis i 5 Stelle si spaccano. E lo stadio della Roma così torna in bilico

A un mese dal voto decisivo sull’opera sono molti i grillini in Assemblea capitolina ad avere dubbi

di Redazione, @forzaroma

Raggi annuncia il bis e lo stadio della Roma torna in bilico, scrive Andrea Arzilli sul Corriere della Sera.

Come le due cose stiano insieme lo spiega la spaccatura della maggioranza M5S sull’auto- ricandidatura lanciata dalla sindaca due giorni fa, ovvero prima del voto su Rousseau che tra oggi e domani partorirà il verdetto sul terzo mandato.

I big del Movimento, da Beppe Grillo a Luigi Di Maio, fanno arrivare a Raggi il loro sostegno pubblico e in Campidoglio assessori e consiglieri sono invitati a fare altrettanto. Ma non tutti rispondono alla richiesta della sindaca: in giunta sono in sei a celebrare sui social l’annuncio di Raggi, mentre cinque scelgono di restare in silenzio.

Raccontando della spaccatura interna alla maggioranza che, ora, mette a rischio le sorti del primo grande provvedimento atteso in Assemblea capitolina a settembre: la Convenzione urbanistica su Tor di Valle, sigillo sul progetto stadio della Roma.

A un mese dal voto decisivo sull’opera sono molti i grillini in Assemblea capitolina a pensarla come Stefàno, alcuni (Ficcardi, Iorio e Guerrini) manifestano sui social le loro perplessità sulla sindaca, altri puntano a far pesare in Aula il loro dissenso. Così lo stadio torna in bilico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy