Dzeko e Fonseca firmano l’armistizio

Tiago Pinto: “Tutti per il bene della Roma. Ci sono regole, Edin per ora non è più capitano”

di Redazione, @forzaroma

Pace, tregua, armistizio: comunque sia, ieri è stato un giorno importante per la Roma perché Paulo Fonseca e Edin Dzeko hanno finalmente chiarito le rispettive posizioni, scrive Gianluca Piacentini sul Corriere della Sera.

Poi, a fine stagione, entrambi tireranno le somme. Edin ha manifestato il suo dispiacere per la situazione che si è creata in questi giorni e Fonseca lo ha riaccolto in squadra: il bosniaco è tornato ad allenarsi in gruppo, ma non sarà più il capitano. Glielo ha detto il tecnico portoghese e lo ha ribadito Tiago Pinto: “In questo momento – le parole del general manager – Edin non è il capitano della squadra: un club deve fondarsi sulla disciplina e sulle regole da rispettare. Abbiamo avuto delle riunioni per rafforzare il sentimento di unione reciproca e ora dobbiamo concentrarci sul bene della Roma. Lo scambio con Sanchez? È vero che ho incontrato Ausilio, abbiamo parlato di diverse questioni ma non abbiamo mai intavolato una vera trattativa“.

La posizione del tecnico, ad oggi, è rafforzata:Fonseca è il nostro leader, ha scritto pagine importanti qui alla Roma ed è la persona a cui abbiamo affidato il nostro futuro nell’immediato e a medio termine. Tutte le notizie circolate rispetto a riunioni con altri allenatori sono bugie, non ci sono mai state. Io e la presidenza siamo soddisfatti di Fonseca, la mia relazione con Paulo è molto buona: il mister non è distratto da queste voci e pensa solo alle prossime partite“.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy