Di Francesco: “La mia Roma deve essere ambiziosa. Ci snobbano? Non mi interessa”

Il tecnico giallorosso: “Lavoriamo per restare attaccati al carro delle prime e per poterlo fare bisogna giocare senza presunzione, ma con consapevolezza”

di Redazione, @forzaroma

La sfida contro il Milan di Montella (“Per me è un fratello”, ha detto Di Francesco) diventa un banco di prova per le ambizioni future della Roma, come scrive Luca Valdiserri sul Corriere della Sera.

Un pareggio a San Siro, che in altre occasioni potrebbe andare bene, vorrebbe dire perdere altro terreno e la Roma rischierebbe di competere davvero solo per il terzo o il quarto posto, con il terrore di restare fuori dalla zona Champions League, con un bilancio da approvare a – 42,6 milioni di euro.

Eusebio Di Francesco lo sa: “Vincere contro il Milan significherebbe che il titolo di apertura di tutti i giornali sarebbe questo:“la Roma c’è”. Dobbiamo essere ambiziosi, lavoriamo per restare attaccati al carro delle prime e per poterlo fare bisogna giocare senza presunzione, ma con consapevolezza. Ci snobbano? Per me è indifferente. Contano i risultati, il campo e l’atteggiamento, che alla fine fa la differenza. Ben vengano non partire favoriti, ma questo non ci toglie responsabilità. Tutti si aspettano sempre di più dalla squadra e da me, ma è giusto che sia così”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Maurizio49 - 3 anni fa

    No problem, se la Roma è ritenuta una outsider è anche meglio… Meglio che il focus sia sui squadroni che ci sono davanti. La Roma, mai come quest’anno, deve badare a non sprecare neanche le briciole. L’inesperienza e l’handicap dell’inizio (partita contro l’Inter) si è già pagato come pure il terrore dell’inizio in Champions. Ora basta solo non sbragare e non incappare nelle amnesie che SEMPRE hanno caratterizzato questa squadra, con qualsiasi allenatore e con qualsiasi forza di organico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy