De Rossi tra Roma e Nazionale si gode la seconda giovinezza

Il centrocampista romano sta giocando alla grandissima e, entro la fine del mese prossimo, prolungherà il contratto con i giallorossi per altri due anni, per poi chiudere la carriera in America

di Redazione, @forzaroma

Daniele De Rossi, contro la Germania, ha messo in campo tutto, come i vecchi tempi: leadership (anche da capitano, quando è uscito Buffon), corsa, polmoni, geometrie. Tanto centrocampista, un po’ meno difensore, sicuramente regista, sicuramente ritrovato. Una buona notizia per l’Italia, un’ottima notizia per la Roma, che, con Paredes non ancora al meglio, gli chiederà a Bergamo di giocare la terza partita in otto giorni. D’altronde, a corredo del periodo d’oro che sta vivendo, coinciso con la nascita del figlio Noah, due mesi e mezzo fa, manca soltanto la certezza di restare a Roma almeno un’altra stagione, forse due. A dispetto delle dichiarazioni ufficiali, De Rossi e la società stanno parlando del rinnovo del contratto in scadenza a giugno, ma la trattativa entrerà nel vivo soltanto tra qualche settimana. Probabile che con l’arrivo del presidente Pallotta a dicembre la pratica possa essere accelerata, ma visto il suo rendimento, e visto il sogno di chiudere la carriera romanista con quello scudetto che finora gli è sempre sfuggito, non dovrebbero esserci problemi. Daniele dovrebbe giocare altri due anni nella Roma, proverà ad andare al Mondiale (sarebbe il quarto), per poi chiudere la carriera all’estero, probabilmente in America, come scrive Gianluca Piacentini su Il Corriere della Sera.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy