Anno nuovo, Roma vecchia per il Toro. Friedkin non sarà all’Olimpico

Anno nuovo, Roma vecchia per il Toro. Friedkin non sarà all’Olimpico

Kluivert fa ancora lavoro differenziato, tempi lunghi per Pastore: Fonseca si affida ai soliti noti. Difficoltà per piazzare gli esuberi: Kalinic dice no al Verona, nessuna offerta per Cengiz Under

di Redazione, @forzaroma

Anno nuovo, Roma vecchia. Il 2020 si aprirà per i giallorossi con la partita casalinga contro il Torino, ma Fonseca non avrà a disposizione nessuno dei lungodegenti che sperava di recuperare, almeno per la panchina. Il tecnico sarà costretto a ricorrere ai “soliti noti”, rimandando di una settimana, di nuovo all’Olimpico contro la Juve, la convocazione per gli assenti, scrive Luca Valdiserri sul “Corriere della Sera”. Ieri la squadra si è allenata a Trigoria: Cristante, Santon, Kluivert e Pastore hanno continuato nel lavoro personalizzato. Le tempistiche per i primi due sono quelle attese, mentre l’olandese e l’argentino sono in ritardo rispetto alle previsioni. Kluivert si è infortunato in Verona-Roma del 1 dicembre: un forte scontro con Zaccagni è sfociato in un vasto ematoma al flessore della coscia sinistra. Si sperava di recuperarlo in due settimane, ma i tempi si sono dilatati, anche a causa di un principio di infiammazione. Pastore è fuori da ancora più tempo: 10 novembre, Parma-Roma 2-0. Colpa di un edema osseo per una contusione all’anca e rientro ancora da definire per un infortunio dai tempi da record negativo: servirà ancora un mese. Il d.s. Petrachi continua a trovare difficoltà nel piazzare gli esuberi: Kalinic ha rifiutato il Verona e non ci sono offerte vere per Under, che ha perso il posto in squadra e il valore sul mercato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy