Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

radio pensieri 2

‘RADIO PENSIERI’, MELLI: “Roma, giudizio rimandato”. VOCALELLI: “Da 6-“

Getty Images

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

Redazione

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Furio Focolari (Radio Radio Pomeriggio 104,5): "La Roma sta rispettando le attese. Il derby si può perdere, la partita sbagliata è quella di Verona. Smalling è importante anche al 50%, perderlo ora è il problema più grave. Villar lo scorso anno sembrava il migliore, possibile che ora non sia in grado di giocare?".

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio 104,5): "Il giudizio sulla Roma va sospeso, nelle prossime tre o quattro partite capiremo cosa aspettarci quest'anno. L'assenza di Smalling è un danno enorme. Non averlo nei big match sarà un grosso problema. Serve un difensore di personalità, ora ci sono solo dei giovani e non il "dominante" che comanda il reparto".

Franco Melli (Radio Radio Pomeriggio 104,5): "La Roma per il momento è rimandata. Dopo le partite con Juventus, Napoli e Milan capiremo di che pasta è fatta. Tagliare fuori Diawara e Villar è una scelta pesante".

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio 104,5): "Il quarto posto della Roma non deve trarre in inganno. Ha avuto un calendario facile e ha fatto il minimo sindacale. L'avvio è da 6-, la sconfitta al derby pesa. Shomurodov un lusso che non serviva, era meglio spendere i soldi a centrocampo".

Gianluca Lengua (Radio Radio Pomeriggio 104,5): "Bisogna capire come sta Smalling. Si infortuna troppo spesso ed è un problema che la Roma si era già posta in estate, tant'è vero che avevano pensato di sostituirlo. La difesa è un tema: si è visto quanto cambia Mancini se ha affianco Smalling anziché Ibanez. Tagliare Villar non è una scelta irresponsabile, non parliamo di un giocatore che l'anno scorso è stato impeccabile, di cavolate ne ha fatte".

Alessandro Austini (TeleRadioStereo 92.7): "Sul caso Smalling-infortuni credo siamo davanti a un punto di non ritorno. Anche emotivamente accuserà il colpo. Secondo me, a condizioni ottimali è il difensore più forte che ha la Roma".

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino - 104,5): "Per Zaniolo è una decisione condivisa con lo staff della Nazionale, poi che Mancini si sarebbe aspettato un altro atteggiamento, considerando anche che alcuni comportamenti di Zaniolo nel ritiro e in campo nell'ultima partita non hanno convinto il ct. Ma comunque è una scelta di buon senso vista la storia di infortuni di Zaniolo, ci sta che lo lascino a casa".

Furio Focolari (Radio Radio Mattino - 104,5): "Se su Zaniolo c’è accordo totale con lo staff della Nazionale è giusto così. La cosa non bella sarebbe se non fossero d’accordo, ma credo lo abbiano lasciato libero di riposare. Non avrebbe giocato, a Roma viene coccolato e curato. È la situazione migliore. Potenzialmente è un fuoriclasse, un titolare, ma non ora che non è pronto".

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino - 104,5): "A me i centrali della Roma non piacciono per come sono assemblati. Senza Smalling giocheranno di nuovo Ibanez-Mancini e credo che siano già abituati. Penso che mancini stia pensando a Zaniolo centravanti. Credo che quando ritroverà la condizione lui sarà titolare della Nazionale, sono quasi sicuro che Mancini stia pensando di schierarlo in quel ruolo".

Nando Orsi (Radio Radio Mattino - 104,5): "Smalling è un'assenza importante, ma la Roma ci si è abituata. E' vero che lui porta esperienza, ma ormai è entrato un un tunnel di infortuni che alla sua età è più difficile uscirne fuori. Su Zaniolo deve esserci una gestione differente. Con questa muscolatura c’è sempre un ragionevole rischio ed è giusto fargli evitare cose in più. Se sono d’accordo lo staff della oma e della Nazionale è giusto lasciarlo a casa e farlo recuperare. Lui sta facendo bene ma non è ancora al 100%, ci sono delle paure che lo frenano".

Mario Mattioli (Radio Radio Mattino - 104,5): "Per Smalling troppi infortuni di seguito. Credo che con i mezzi attuali dovrebbe essere curato in maniera più sicura e con i tempi giusti, altrimenti è uno stillicidio per il giocatore, per la squadra e per il club".