Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

radio pensieri 2

‘RADIO PENSIERI’, DOTTO: “Abraham non è un cecchino, sta perdendo fiducia”

Getty Images

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

Redazione

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Mario Sconcerti (Tele Radio Stereo - 92,7): "Un ritorno in condizioni di Mkhitaryan sicuro aiuta, ma per Abraham credo sia un problema di spazi. Va servito prima, quando la squadra riparte. Bisogna sfruttare la grande corsa di questo ragazzo ed è difficilmente gestibile quando parte. Bisogna dargli subito il pallone e per dargli quei 25 metri di spazio". 

Giancarlo Dotto (Radio Radio Pomeriggio 104.5): "Anche io, come Spinazzola, ho avuto la rottura del tendine d'Achille e so quanto può essere difficile il recupero. Il suo ritorno previsto per il 2022 non mi ha sorpreso. Speriamo che rientri al più presto perché la Roma ha bisogno di lui, ma deve farlo con cervello senza rischiare una ricaduta. La Roma non ha mai dominato una partita, ha molti problemi e Mourinho ci ha messo il carico, mutilando una rosa che era già in difficoltà. Per la questione arbitraggio bisogna trovare assolutamente una soluzione, io credo che le chiamate alla panchina potrebbe essere la soluzione migliore. Abraham è un giocatore molto importante che fa movimento, ma non è un cecchino in attacco, mi sembra che stia perdendo anche un pò di fiducia. Fondamentale sarà il mercato di gennaio".

Luigi Ferrajolo (Radio Radio Pomeriggio 104.5): "Dopo Roma-Milan l'arbitro Maresca è stato sospeso, ma non possiamo generalizzare solo sulla Roma. Non c'è alcun complotto contro la Roma. Non dobbiamo dimenticare che la partita contro il Milan non è stata equilibrata".

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): "Giusto pensare al mercato per gennaio, ma non sarà di certo questo a sistemare i problemi della Roma. Quattro giocatori potrebbero arrivare, ma quelli che ci sono adesso devono darsi da fare per migliorare le prestazioni. Ma non si può considerare la Roma come vittima esclusiva degli errori arbitrali".

Furio Focolari (Radio Radio Pomeriggio 104.5): "Su Spinazzola bisogna stare molto cauti, il suo è l'infortunio più difficile che possa esserci. Il vero Spinazzola lo rivedremo, forse, ad Aprile. Per il mercato ho il dubbio che se anche ci fossero i soldi non ci siano giocatori all'altezza. Diciamo che la Roma ha avuto molti errori arbitrali contro, ma ce ne sono stati tanti anche a favore della Roma, non dobbiamo dimenticarlo".

Franco Melli (Radio Radio Pomeriggio 104.5): "Non credo che la classifica della Roma dipenda dagli errori arbitrali. Ci sono dei liti interni che Mourinho dovrebbe esporre. Che per gli arbitri sia un'annata infelice non c'è dubbio, però non possiamo dimenticare che dopo quattro mesi la Roma non ha organizzazione di gioco".

Francesco Balzani (Centro Suono Sport/Te la do io Tokyo 101,5): "Non comprendo chi critica Mourinho, lui  sta semplicemente chiedendo giocatori all'altezza per la sua squadra".  

Antonio Felici (Centro Suono Sport/Te la do io Tokyo 101,5): "I Friedkin hanno esteso il capitale, ma non sono soldi che verranno investiti per il calciomercato. Arrivare almeno quarti è vitale, devi accedere alle risorse della Champions, sennò non so come i Friedkin riusciranno a costruire una squadra all'altezza di Mourinho".

Ugo Trani (Centro Suono Sport/Te la do io Tokyo 101,5): “Mourinho sa prendere giocatori importanti, Zakaria voglio vedere cosa farà. È la riserva di Xhaka nella Svizzera, non stiamo parlando di Falcao. Io sono preoccupato, spero arrivino giocatori forti. Bisogna andare su profili di primo piano”.

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo 92,7): “Tutti gli episodi sono al limite, non sono errori assurdi. Il problema è che negli scontri diretti, gli episodi dubbi sono sempre stati fischiati contro la Roma. È chiaro che ogni tifoseria si ricorda solo le cose “a suo favore”, ma altrettanto vero che la Roma ha subito molti episodi controversi da inizio campionato".

Furio Focolari (Radio Radio Mattino 104,5): “Capisco il discorso sugli episodi, ma non Pinto che parla di partita equilibrata. È giusto che si lamenti, alcuni episodi sono chiari. Ma se la colpa è solo degli arbitri, allora siamo fuori strada. Qui non è questione di quarto posto, è questione di punti. La Roma ha pochi punti, meno di due a partita".

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino 104,5): “Neanche gli arbitri sanno cosa fare. La situazione è davvero complicata, ci sono pochi arbitri buoni. Maresca non doveva andare ad arbitrare una partita così, lo mandano perché non ci sono alternative. Ognuno va per conto suo, bisogna che gli arbitri escano allo scoperto e facciano chiarezza".

Mario Mattioli (Radio Radio Mattino 104,5): “C’è sempre una grossa confusione nell’applicazione del Var. Quando l’episodio viene lasciato alla valutazione dell’arbitro, mettono in mutande l’arbitro stesso. Gli episodi sono bianchi o neri, deve dirlo chi sta al Var. Serve semplicità. Riguardo il rigore, secondo me il primo intervento di Ibanez è sulla caviglia di Ibra, il milanista arriva per primo sulla palla".