Udinese-Roma 1-1 LE PAGELLE Torosodis tuttofare, Osvaldo sembra Fabio Junior

di finconsadmin

(di Francesco Balzani – ForzaRoma.info) Dopo 3 vittorie di fila, la Roma impatta a Udine. Ancora sugli scudi Torosidis e Totti (fuori dopo un’ora), positivo il ritorno in campo di Florenzi e Castan. Male ancora una volta Burdisso e Osvaldo mentre Marquinho si nota solo al momento della sostituzione.

 

STEKELENBURG 6: Pronti via e subito un paratone su Di Natale poi infonde sicurezza? ai difensori e esulta come un pazzo al gol di Lamela. Male per? sul gol di Muriel dove sembra un po’ moscio.

 

TOROSIDIS 7 Tiene a bada? gli esterni bianconeri che non riescono mai a sfondare dalla parte del greco, per rendimento uno dei migliori nell’ultimo mese. Bravo anche ad accentrarsi quando l’Udinese prova a sfondare in mezzo. Su di lui ci starebbero pure due rigorini. Dopo le tragedie Choutos, Eleftheropoulos e Tachtsidis e il piccolo poema Dellas, la Roma potrebbe aver trovato il suo eroe ellenico.

 

BURDISSO 5: Muriel ? in giornata no, fino al 60′ quando il colombiano con un dribbling lo manda fuori dal campo? per poi battere Stekelenburg. Un altro brutto errore dopo il rigore di domenica su Borriello. Peccato, fino a quel momento non aveva demeritato.

 

CASTAN 6,5: Brucia i tempi di recupero, ma non si lascia bruciare da Di Natale. Seriet? e sicurezza in un reparto che nel secondo tempo balla un po’ troppo. Sembra giocare in questo campionato da una vita.

 

PIRIS 6: Torna sulla fascia destra e non soffre particolarmente le (poche) incursioni di Maicosuel e Silva. Prova poco, troppo poco per? ad affacciarsi oltre il centrocampo.

 

DE ROSSI 6: Senza Pjanic al suo fianco interpreta un ruolo duro con tutte le forze che ha. Per ora non sono tante, ma Capitan Futuro ci prova lo stesso. Niente fiammate, ma tanto sudore. Ancora poco per dire che ? tornato ai suoi livelli.

 

FLORENZI 6,5: Prima da titolare con Andreazzoli in panchina, entra nelle due occasioni pi? importanti della Roma del primo tempo. Nella prima si imbarazza davanti a Brkic,nella seconda trova una grande risposta del portiere serbo che nulla pu? su Lamela. Poi si traveste da Lupin e ruba tutti i palloni possibili sulla trequarti procurando anche l’espulsione di Hertaux. Se Andreazzoli voleva una risposta, Sandrino l’ha data forte e chiara. (39’st LOPEZ?ng: prova a pungere, ma ha poco tempo a disposizione)

 

MARQUINHO 5: Nel primo tempo tocca pochissimi palloni e sembra demoralizzarsi un po’, nella ripresa cerca di inserirsi con maggiore convinzione (come al 12′ quando spara alto di testa) ma trova spesso la strada trafficata. Prova opaca. (41’st BALZARETTI ng)

 

PERROTTA 6: Da Del Neri a Spalletti passando per Zeman, Ranieri, Montella e Andreazzoli: Super Simo non guarda a chi sta in panchina, ma gli occhi dell’avversario e anche stavolta il suo fritto misto paga. L’et? e gli acciacchi si fanno sentire nel secondo tempo, ma Aurelio non lo toglie.

 

LAMELA 6: Ci mette un po’ ad oliare gli ingranaggi, ma la rapacit? in occasione del primo gol ? degna del bomber di razza. Diventa a tutti gli effetti il capocannoniere della Roma in campionato. Gol a parte per? combina poco l? davanti.

 

TOTTI 6,5: Riuscirebbe ad accendere anche il motore di una Fiat Duna spenta da anni. Da una sua intuizione nasce il primo gol della Roma. Cambiano moduli, compagni di squadra, avversari. Mai la sua classe n? il suo spirito di sacrificio che lo porta spesso ad arretrare in mediana pur sbagliando qualche passaggio. Solo Guida riesce a farlo innervosire con un giallo inventato e il capitano perde smalto. Esce lui e l’Udinese pareggia. Solo un caso? (15’st OSVALDO 4: Si fa notare? per un fallo senza senso in attacco e un gol divorato al 90′ con Torosidis liberissimo al suo fianco. Sembra essere entrato Fabio Junior con la parrucca. Momento nero)

 

ANDREAZZOLI 6: Senza Pjanic, cambia modulo e giocatori proponendo un ibrido tra il 4-2-3-1 e un 5-3-1-1 bruttino a vedersi, ma efficace. La sua Roma ? compatta, cinica ma poco spettacolare e stavolta si ferma dove ha vinto solo la Juve. Forse troppo precoce il cambio di Totti. L’impressione ? che ora che ? tornata la normalit?, difficilmente potr? avvenire un nuovo salto di qualit?.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy