olimpus roma

Olimpus Roma, Ducci non basta: crollo a Pesaro, i Blues perdono 5-1

Olimpus Roma, Ducci non basta: crollo a Pesaro, i Blues perdono 5-1

Marcelinho aveva illuso con il gol del pari momentaneo, poi i padroni di casa dilagano. Sabato prossimo la sfida con Manfredonia per dimenticare la brutta serata

Valerio Salviani

L'Olimpus Roma a Pesaro rimedia la terza sconfitta stagionale e torna con i piedi per terra. Il match contro i campioni d'Italia in carica finisce con un pesante 5-1. La squadra di D'Orto aveva già subìto cinque reti (alla prima giornata contro il Sandro Abate), ma mai con un passivo così ampio. Che poteva essere peggiore, se Ducci non ci avesse messo una pezza. Il portiere tiene a galla i suoi nel primo tempo, poi fa quello che può ma non evita il pokerissimo. Di Marcelinho il gol del momentaneo 1-1. Sabato prossimo la sfida al PalaOlgiata contro Manfredonia, ultima in classifica, per provare a riprendere subito la corsa.

LA PARTITA - L'Italservice è chiamata a conquistare i tre punti, dopo un avvio di stagione a singhiozzo. L'Olimpus cerca la quinta vittoria di fila. La squadra di D'Orto gioca meglio, Pesaro però quando attacca è sempre pericolosa. Il match è molto nervoso e la tattica ruba lo spazio allo spettacolo. Dopo 8 minuti Mateus deve lasciare il campo per un doppio cartellino giallo. Ingenuo il brasiliano, che dopo un brutto fallo si fa ammonire nuovamente per proteste. Il migliore in campo per i Blues è Ducci, che una parata alla volta costruisce un muro che per i padroni di casa sembra insormontabile. Ad abbatterlo ci pensa De Olivera al 17', con una giocata da campione, che porta avanti i suoi. Prima del fischio di fine primo tempo Pesaro ha anche l'occasione per raddoppiare, ma è ancora bravo Ducci a neutralizzare il tiro libero tentato ancora da De Olivera. Nella ripresa è sempre protagonista Ducci, che con i piedi salva di nuovo il risultato. Una parata che vale a tutti gli effetti un gol. Poco dopo Marcelinho (3'59'') rimette il risultato in equilibrio con un tiro sugli sviluppo di un calcio di punizione. Il gol però è solo un'illusione. L'Olimpus subisce il ritorno rabbioso dei padroni di casa, che prima trovano il vantaggio con Taborda, poi allungano con Honorio e Canal. A due minuti dalla fine prova la gioia del gol anche il portiere dell'Italservice Espindola, che tira dalla sua metà campo segnando a porta vuota.

ITALSERVICE PESARO-OLIMPUS ROMA 5-1 (1-0 p.t.)

ITALSERVICE PESARO: Espindola, Tonidandel, Fortini, Salas, Borruto, Ciappici, Mariani, Honorio, Canal, Taborda, Ceccolini, De Oliveira, De Luca, Miarelli. All. Colini

OLIMPUS ROMA: Ducci, Tres, Marcelinho, Di Eugenio, Dimas, L. Pizzoli, A. Pizzoli, Achilli, Jorginho, Bagatini, Mateus, Grippi, Schininà, Tondi. All. D'Orto

MARCATORI: 16'34'' p.t. De Oliveira (P), 3'59'' s.t. Marcelinho (O), 9'07'' Taborda (P), 11'43'' Honorio (P), 13'47'' Canal (P), 18'08'' Espindola (P)

AMMONITI: Mateus (O), Borruto (P), Schininà (O), Taborda (P), Grippi (O), De Oliveira (P), Achilli (O)

ESPULSI: al 8'06'' del p.t. Mateus (O) per somma di ammonizioni

NOTE: al 16'59'' del p.t. De Oliveira (P) fallisce un tiro libero

ARBITRI: Michele Ronca (Rovigo), Fabiano Maragno (Bologna) CRONO: Davide Plutino (Reggio Emilia)