RITIRO AS ROMA: Parola ai giovani “Essere quì è il massimo!”

di Redazione, @forzaroma

In sala stampa spazio ai giovani della Roma che Luis Enrique ha tanto esaltato al termine della partita di ieri pomeriggio vinta per 10-0 contro una Rappresentativa locale.

 

Vi piacerebbe provare a giocare in squadre di B o di C o provare a fare strada nella Roma?
Verre:
“Per me è un onore stare qui con la prima squadra. Ho fatto allievi e primavera, voglio ringraziare Stramaccioni e De Rossi. Sono contentissimo di stare in ritiro. Sul futuro non decido io, ogni giorno faccio il mio e in futuro faremo le nostre considerazioni con la società”.
Pigliacelli: “Sono contento e onorato di essere qui. E’ il secondo anno ma è sempre un’ emozione. Il progetto è grande, poi saranno loro a decidere se farci restare o mandarci in prestito”.
Caprari: “La nuova società punta sui giovani. Noi siamo qui e vogliamo migliorarci, in futuro vedremo”.
Viviani: “E’ una grande occasione per noi giovani, stare qui e allenarci con loro. Cerchiamo di imparare il più possibile. Vediamo come va il ritiro, vediamo cosa deciderà la società in futuro”.

Caprari, hai già avuto esperienze in prima squadra. Luis Enrique ha parlato con te? Cosa ne pensi di questi metodi?
“Sono qui spero di essere all’altezza del progetto, poi non so cosa si farà più avanti. il lavoro sta andando alla grande. No non ho ancora parlato con l’allenatore ma sento la fiducia dello staff”.

Sempre per Caprari, la differenza degli allenamenti tra Ranieri, Montella e ora.
“Io mi impegno sempre allenamento dopo allenamento. Quest’anno è cambiata la società, la Roma vuole far bene per i prossimi anni.”

Potete fare un brevissimo profilo di voi, il vostro quartiere, da dove venite.
Antei: “Io da Roma”
Viviani: “Da Viterbo”.
Pigliacelli: “Sono di Roma, vivo a Rignano Flaminio. Ho giocato due anni alla Lazio, da otto anni sto alla Roma”.
Caprari: “Sono di Roma abito alla Rustica, sono da sette anni alla Roma”.

Luca (Antei), visto che al momento ci sono pochi difensori a disposizione, tu sei pronto?
“Spero che il mister mi faccia giocare, sono scelte sue”.

Viviani, c’è un giocatore a cui ti ispiri.
“Tanti giocatori forti, qui alla Roma ci sono Pizarro e De Rossi con cui scherzo molto e sono due belle persone. Allenarsi con loro è motivo d’orgolio e possso migliorarmi ogni giorno”.

Voi personalmente vi sentite pronti per giocare in A? Caprari ha avuto qualche chiamata da Catania e da Montella?
Caprari: “Non ho ricevuto offerte né chiamate. Penso a far bene qui, vorrei crescere qui nella Roma”.
Verre:
“Cerchiamo di prendere il ritmo e ci alleniamo con intensità. L’esordio in Serie A è prematuro, c’è tutto il tempo per migliorare”.
Viviani: “Esordire in serie A è un sogno. Ci impegnamo ogni allenamento sempre di più, deciderà il mister. Vedremo come si evolverà la situazione”.

Verre, è vero che fino all’anno scorso eri semrpe allo stadio?
“Mi trovo sempre in Sud ed è un onore stare qui. Vado allo stadio, cantavo assieme ai ragazzi. E’ una cosa che mi dà orgoglio”.

Vi infastidisce fare spola tra prima squadra e primavera mentre Lamela, alla vostra età, è stato pagato 12 milioni di euro?
Verre: “Se lo merita, è un ragazzo forte. Ci servirà perché vogliamo vincere”
Antei: “Ha la nostra stessa età è stato pagato tanto e siamo entusiasti. E’ un altro livello rispetto a noi, speriamo di arrivare ad essere come lui”.
Caprari: “L’ho visto giocare, ho visto buone cose. Se è stato pagato tanto vuol dire che è bravo”.
Viviani:
“Sicuramente se l’hanno pagato cosi tanto vale, altrimenti la Roma non spende tanti soldi per un giocatore del genere. Farà solo bene alla Roma un giocatore cosi”.

Il vostro hobby fuori dal calcio, Il vostro sogno: Champions con la Roma? Europeo o mondiale con l’Italia? Per voi sarebbe un valore diventare bandiere della Roma, questo concetto vi sta a cuore?
Viviani:
“Partire dal settore giovanile e arrivare in prima squadra è un sogno. Diventare bandiera sarebbe un onore, anche vincere lo scudetto ci riempirebbe d’orgoglio. Non ho hobby particolari”.
Verre: “Il mio sogno è vincere lo scudetto con la Roma, ci manca sempre poco per vincerlo. I tifosi sono sempre con noi. L’hobby? Non ne ho di precisi, esco con gli amici e mi diverto con loro”.
Antei: “Come sogno ho lo scudetto. La bandiera sarebbe orgoglio, restare nella città e diventare un idolo sarebbe bellissima cosa. Non ho un hobby vero e proprio”.
Pigliacelli: “Quando non gioco a calcio amo andare a pesca. Sogni in particolare, spero di far bene qui a Roma se avrò l’opportunità. Totti è una grande bandiera, arrivare al suo livello sarà difficile. La speranza c’è .
Caprari: “Il mio sogno è riportare lo scudetto a Roma, speriamo di farcela il pimo possibile. Non ho hobby”.

Il vostro rapporto con Francesco Totti, che ha esordito in Serie A quando voi nascevate.
Pigliacelli: “Grande persona. Ci aiuta in tutto, mai una cosa fuori posto. Grande campione”.
Verre: “Francesco è un grande campione. Ci sta aiutando assieme agli altri a farci entrare nel gruppo. Lui è capitano e banidera, per lui abbiamo massimo rispetto e lui ne ha per noi”.
Viviani: “Grande campione, gli portiamo rispetto perché è la bandiera della Roma. Cerchiamo da imparare dai suoi comportamenti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy