Primavera, le pagelle di Roma-Palermo: Verde sugli scudi, Marchegiani insuperabile

Ottima prova complessiva da parte della Roma: Verde e Marchegiani i migliori.

di finconsadmin

La Roma conquista i tre punti con il Palermo, battendo i rosanero con un largo 4 a 0. Una prova magistrale da parte dei giallorossi, capaci di surclassare gli avversari sia sul piano tecnico che tattico. Più che sufficiente  il rendimento di tutta la squadra con una menzione particolare per Verde e Marchegiani: il primo autore di una splendida doppietta, il secondo, bravissimo a farsi trovare pronto sulle iniziative degli attaccanti palermitani.

 

 

MARCHEGIANI 7

Il portiere classe ’96 resta in operoso per gran parte del primo tempo, iniziando la sua gara al minuto 42, quando vola a deviare in corner la conclusione da fuori area di Bentivegna. Nella ripresa inizia la sua sfida personale con Bonfiglio: l’attaccante palermitano maledice gli interventi del numero 1 giallorosso in ben tre occasioni. Chiude in bellezza, poi, con una gran parata sul colpo di testa di Grodzic.

 

CALABRESI 6.5

Il ritorno in Primavera di Michele Somma, “costringe” Alberto De Rossi a dirottarlo sulla desta pur di non rinunciare alla sua disciplina tattica. Il difensore classe ’96 non tradisce le attese, offrendo una gara attenta in fase difensiva, senza rinunciare ad accompagnare la manovra offensiva. Nel finale, toccato duro da un avversario, lascia il posto a De Santis E. (Dal 26′ st. DE SANTIS E. 6. Entra nel momento di maggior pressione da parte degli ospiti, svolge sufficientemente il suo compito).

 

CAPRADOSSI 6.5

Schierato al fianco di Somma, fa valere la sua presenza in area di rigore. Nel primo tempo annulla Lagumina; nella ripresa la squadra abbassa il baricentro ed è costretto agli straordinari in più di un’occasione.

 

SOMMA 6.5

Torna in Primavera dopo aver “assaporato” per tutta l’estate la prima squadra. Prende subito in mano la difesa dando sicurezza a tutta la squadra.

 

SAMMARTINO 6.5

È uno dei tre fuori quota a cui De Rossi non ha rinunciato. Il terzino mette in campo la solita generosità, partecipando attivamente alla manovra offensiva soprattutto nella prima parte di gara. Cala alla distanza.

 

VASCO 6

L’unico classe ’97 a partire tra i titolari, garantisce un apporto fondamentale in fase di interdizione. Pressa a tutto campo soprattutto nel primo tempo; nella ripresa paga un po’ la stanchezza. (20′ st. D’URSO 6. Copre bene la sua parte di campo).

 

PELLEGRINI 6.5

Una garanzia. Corsa, fisico e piedi buoni. Anche quest’oggi non fa mancare il suo apporto, giocando un primo tempo a grandi livelli.

 

ADAMO 7

Sa che questo è il suo anno e non si lascia scappare l’occasione di stupire. Conferisce le giuste geometrie alla squadra, non rinunciando agli inserimenti senza palla. Impreziosisce la sua prestazione con un gran gol da fuori area.

 

VERDE 8

Rispetto alla gara di Livorno, Alberto De Rossi lo schiera nella formazione titolare e il mancino classe ’96 non tradisce la fiducia del tecnico giallorosso. Crea sistematicamente superiorità numerica, offrendo assist a grappoli, non sempre sfruttati dai suoi compagni. Realizza una splendida doppietta.

 

VESTENICKY 6.5

In campo per quarantacinque minuti di gioco, ha il merito di sbloccare il risultato. (1′ st. SOLERI 6. Entra con la giusta determinazione facendo a “sportellate” con i difensori ospiti. Dovrebbe essere più incisivo, però, in area di rigore).

 

FERRI 6

Il capitano quest’oggi non sembra particolarmente in giornata. Guadagna la sufficienza pur giocando al di sotto delle sue possibilità.

 

DE ROSSI 6.5

Il tecnico di Ostia sembra aver trovato la giusta sintesi tra veterani e nuove leve. Praticamente perfetta nel primo tempo, la squadra cala alla distanza nella ripresa.

 

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy