Primavera Final Eight, Roma-Lazio 0-1: De Rossi: “Noi più forti, ma sfortunati”, Inzaghi: “Vittoria del gruppo”

“La mia è una squadra forte e tanti giocatori giocheranno nei professionisti, sicuramente: La mia è la più forte. Oggi siamo stati sfortunati”, le parole di un amareggiato Alberto De Rossi

di Redazione, @forzaroma

Al termine della semifinale Roma-Lazio del campionato Primavera vinta dai biancocelesti per 1-0 ai tempi supplementari, i due allenatori hanno rilasciato alcune dichiarazioni.

Queste le parole dell’allenatore giallorosso, Alberto De Rossi:

C’è una ‘maledizione Lazio’ sulla Roma?
“Oggi è stata pura causalità, una partita equilibrata, non siamo stati capaci di concretizzare qualche situazione.  È stata una bella partita, poi quando ci sono due squadre così forti gli errori vanno concretizzati al massimo com’è successo al Torneo di Viareggio contro l’Inter quando un tiraccio ci è costata la qualificazione.  Ci può stare non c’è nessuna maledizione con la Lazio”.

Con Inzaghi? Vi siete parlati al termine della gara?
“Gli ho fatto i complimenti”

C’è troppa differenza con la Lazio?
“Non ho visto questa differenza, non credo sia stata più coraggiosa di noi. È stata una gara equilibrata, ci dava fastidio la loro fisicità e il calcio lungo. La gara l’abbiamo giocata ad armi pari”.

La Roma ha fatto una grande stagione, giocando anche in grandi competizioni, ma nessun trofeo.
“La mia è una squadra forte e tanti giocatori giocheranno nei professionisti, sicuramente, la mia è la più forte sicuramente oggi siamo stati sfortunati, e siamo arrivati in semifinali UEFA Youth League, semifinali Torneo di Viareggio, semifinali scudetto Primavera e finale in Primavera Tim Cup, che dobbiamo fare?”

Colpa del maggior vigore della Lazio?
“Sappiamo la forza della Lazio sulle fasce, oggi avevamo cambiato per questo rispetto alla prima partita per poi in previsione di cambiare in corso. La partita è andata abbastanza bene”.

Queste le parole dell’allenatore biancoceleste, Simone Inzaghi, a Lazio Style:

“Vittoria meritata, i miei ragazzi hanno dimostrato di avere grande cuore. Complimenti a loro. È la vittoria del gruppo, non dei singoli. Chi vorrei incontrare in finale? Una squadra vale l’altra. Adesso ci riposeremo perché abbiamo giocato tre partite consecutive da 120 minuti e martedì ci faremo trovare pronti. La Fiorentina lo scorso anno l’abbiamo battuta nella finale di Coppa Italia. Il Torino non molla mai e lo scorso anno ci ha battuto a 30 secondi dalla fine. Oggi il merito va ai miei ragazzi che stanno sorprendendo i nostri tifosi, ma anche tutta Italia. È stata una partita con le squadre prudenti, ma noi potevamo aver segnato prima. Nell’intervallo mi sono arrabbiato perché volevo essere già in vantaggio. La Roma è una grande squadra, abbiamo sofferto, ma siamo in finale. 60 panchine? Credo di essere a circa 200 con allievi e tornei vari, è uno splendido traguardo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy