Primavera, De Rossi deluso: “Nessuna risposta dal campo”. Bove: “Troppi black out”

Primavera, De Rossi deluso: “Nessuna risposta dal campo”. Bove: “Troppi black out”

Le parole dell’allenatore dopo la partita contro l’Inter: “Stiamo lavorando per ottenere altro. Ci alleneremo per raggiungere i risultati”

di Redazione, @forzaroma

Dopo il pareggio per 3-3 contro l’Inter, l’allenatore della Roma Primavera Alberto De Rossi ha parlato a Roma TV. Ecco le sue parole.

Una partita che sembra un po’ un copione già visto.
“Abbiamo il marchio di queste partite così emozionanti. Oggi gli spettatori purtroppo non c’erano. Le facciamo solo noi, nel bene e nel male. Stiamo lavorando per ottenere altro, per il momento non abbiamo nessuna risposta dal campo, però non molliamo”.

Due punti persi.
“Assolutamente, di fronte avevamo una squadra forte, stavamo conducendo la partita, solito 2-0 – 2-2, sul 3-2 non siamo riusciti più a salire, abbiamo cambiato sistema di gioco ma la cosa non ha dato i frutti che speravamo desse”.

La squadra è pronta per l’Atalanta e per un buon finale di stagione?
“Sono contento parzialmente, in parte possiamo giocare con queste squadre. Non siamo ancora perfetti, ci alleneremo per raggiungere i risultati che questa squadra può ottenere”.

Poco dopo ha parlato anche Edoardo Bove.

Non siete riusciti a vincere dopo essere stati in vantaggio.
“Ultimamente ci capita spesso di avere black out, ci facciamo rimontare, ci sono momenti in cui non giochiamo più bene. Dobbiamo lavorare per cercare di colmare questi deficit e portare a casa risultati per la fine della stagione, oggi era nelle nostre corde e non ci siamo riusciti”.

Cosa vi porta ad avere questo tipo di atteggiamento? Paura o mancanza di distanze giuste?
“Penso che ci accontentiamo di quanto fatto e ci spegniamo. Giochiamo molto bene all’inizio, poi magari andiamo in vantaggio e ci facciamo rimontare in modo troppo semplice. Questo ci porta a perdere punti e consapevolezza nei nostri mezzi. Dobbiamo lavorare per raggiungere i nostri obiettivi”.

Hai corso per 70 minuti, è un discorso di condizione atletica o Agoume è uno che sfianca?
“Quando stai fuori due mesi il rientro è difficile, nelle scorse partite ero più sulle gambe, oggi mi sono sentito più leggero. Cercherò di dare sempre il meglio per la squadra, sto bene”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy