Verona, Viviani: “Inizio una grandissima avventura”

“A Roma tutti ti coccolano quando sei giovane. Ma quando poi vai nel calcio dei grandi devi crescere in fretta”

di Redazione, @forzaroma

Federico Viviani, durante la presentazione con l’Hellas Verona, ha parlato della sua nuova avventura in gialloblù e di quella passata con la maglia giallorossa.

Queste le sue parole: “Inizio una grandissima avventura. Per me è un orgoglio che una società come il Verona spenda tanti soldi per un ragazzo che lo scorso anno ha giocato in Serie B. Sono venuto con tanta voglia di fare e di mettermi a disposizione del mister e dei compagni per cercare di portare avanti la stagione nel migliore dei modi. E’ stata una trattativa difficile. Da parte mia avevo già scelto il Verona. Sapevo che qualcuno ci sarebbe rimasto male. Io volevo il Verona e nonostante le pressioni ho preso la mia scelta. Credevo nell’Hellas e nel suo progetto, visto anche il mercato che stava facendo. La mia esperienza alla Roma? Non ho visto Falcao e Giannini e mi dispiace. Ho avuto la fortuna di avere a che fare con Daniele De Rossi, lui è stato la mia chioccia, mi ha dato tanti consigli e mi ha aiutato tantissimo a crescere, ho esordito giocando con lui. Penso che sia un motivo d’orgoglio per un giovane come me che per la prima volta si affacciava ad un palcoscenico così importante. È stato un’esperienza unica conoscerlo, spero di seguire le sue orme. A 32 anni è ancora un grande. Conosco bene anche Leandro Greco, con lui ho passato un anno in prima squadra. È bravo sia come ragazzo che come calciatore. Dalla mia esperienza in giallorosso ho capito che per arrivare devi lavorare sempre tanto. A Roma tutti ti coccolano quando sei giovane. Ma quando poi vai nel calcio dei grandi devi crescere in fretta. Il mio obiettivo era la Serie A, meglio con la Roma. Però devo pensare alla mia carriera e sono felice di essere a Verona. Su Luis Enrique non ho dettagli da raccontare. Però già dai primi giorni mi ha seguito molto Della Penna. Anche il mister mi ha aiutato molto, spiegandomi i movimenti da fare con il corpo. Non posso che parlarne bene mi ha fatto esordire con la Juve da titolare a 19 anni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy