Uefa, stangata alla Lazio. Stoccarda a porte chiuse. Lotito: “Decisone abnorme”

di finconsadmin

L’Uefa punisce la Lazio per i?presunti saluti fascisti?dei suoi tifosi nel corso del match disputato all’Olimpico la settimana scorsa contro il Borussia Moenchengladbach. Il ritorno degli ottavi di finale contro lo Stoccarda il 14 marzo si giocher? a porte chiuse.

 

Lazio a porte chiuse in Europa League, per nuovi episodi di razzismo da parte della sua tifoseria: la notizia rimbalza da Nyon, rilanciata da Gazzetta.it, e il presidente del club Claudio Lotito reagisce: ”Non conosco le motivazioni. E’ un provvedimento abnorme rispetto alla realta”’, ha detto a Novanta Minuti-RaiSport ”La Lazio ha fatto tutto quello che poteva e doveva per impedire che cio’ avvenisse – spiega Lotito -. Subire una squalifica e giocare a porte chiuse, che provochera’ un grave danno economico alla societa’ e che impedira’ ai tifosi di partecipare a un evento come questo, mi sembra assurdo. Non possiamo come club essere penalizzati per l’errore di pochi”.

 

Il n.1 biancoceleste, in attesa di conoscere motivazioni e dispositivo della decisione disciplinare – che l’Uefa non ha ancora ufficializzato, neanche nella misura della sanzione – ha annunciato che la societa’ fara’ ricorso: ”Lo faremo, ma il problema non e’ la severita’ dell’Uefa, ma la capacita’ di attuare le pene per danni effettivamente recati. Ripeto e ribadisco – ha concluso Lotito – tutti sanno quanto il sottoscritto ha fatto per prevenire e scongiurare fatti di questo tipo ottenendo risultati che nessuno a livello nazionale ha ottenuto. Bisogna fare una distinzione tra il tifoso delinquente, che agisce di propria spontanea volonta’, e una tifoseria che si esprime civilmente. Non e’ possibile che un club paghi per errori di singoli”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy