Figc, Tommasi: “Candidatura doverosa dopo Italia-Svezia. Con l’entusiasmo porteremo un grande CT”

Le parole dell’attuale presidente dell’Assocalciatori: “Prima si deve pensare al campo e poi a quello che lo circonda. Spero vada a compimento il progetto delle seconde squadre, servirebbe per far crescere i nostri giovani”

di Redazione, @forzaroma

Damiano Tommasi fa sul serio. E’ ufficiale adesso la sua candidatura alla presidenza della Figc, dopo le dimissioni di Tavecchio. A Sky Sport, l’attuale presidente dell’Assocalciatori e ex centrocampista della Roma ha spiegato le sue motivazioni.

“Era doveroso da parte nostra esprimere la candidatura, anche se non è stata ancora depositata. E’ necessario un cambiamento. La mia non è una candidatura contro nessuno, è una risposta al dopo Italia-Svezia. Partiremo dalle scelte di campo, di politica sportiva: penseremo ai vivai, alle seconde squadre. Altre candidature non ce ne sono, noi comunque siamo convinti che ci siano gli argomenti per fare le cose fatte bene. Ripeto, prima si deve pensare al campo e poi a quello che lo circonda. Spero vada a compimento il progetto delle seconde squadre, servirebbe per far crescere i nostri giovani. In questo senso, perderemmo due volte se iniziassimo a fare i conti senza guardare il reale obiettivo, che è quello di cambiare marcia. Bisogna avere più attenzione verso questi aspetti. Perderemmo due volte se non si mettesse al centro il progetto sportivo”.

Il Ct?
“Abbiamo un’idea, ma è precoce come discorso. C’è bisogno di ottimismo e convinzione, di sapere che le cose possono cambiare. La realizzazione di queste premesse porterebbe l’interesse dei grandi allenatori che sono in attesa di quello che succede in Federazione. Con un certo entusiasmo, riusciremo a portare quei grandi allenatori che ad oggi magari non sono interessati al ruolo.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy