Siglato protocollo d’intesa tra Anci e Ics per concessione crediti per costruzione di impianti sportivi

di finconsadmin

Semplificare e implementare la concessione, ai Comuni e agli enti associati all’Anci, di mutui a tassi particolarmente agevolati, finalizzati alla costruzione o ristrutturazione di impianti sportivi.

Questa la principale finalita’ del protocollo d’intesa fra l’Associazione nazionale dei Comuni italiani (Anci) e l’istituto di Credito Spotivo (Ics), firmato oggi nella sede dell’Anci a via dei Prefetti. “A livello nazionale – spiega il presidente dell’Anci, Graziano Delrio – abbiamo notato, e per questo abbiamo voluto questo protocollo, che i piccoli Comuni sono quelli che fanno piu’ fatica a programmare e a istituire pratiche per la costruzione di nuovi impianti o per la ristrutturazione di impianti sportivi”. ”C’e’ la necessita quindi, da parte dei Comuni piu’ piccoli -prosegue il presidente dell’Anci- di un supporto, di un aiuto, di una collaborazione con la struttura centrale dell’Anci per poter svolgere al meglio la loro funzione di programmazione di impiantistica e avere nell’Anci un punto di riferimento per i contatti con coloro che erogano il credito”. Presente alla conferenza stampa, oltre a Delrio, anche il delegato dell’Anci alle politiche giovanili e allo sport, Roberto Pella ed i Commissari straordinari dell’Ics, Marcello Clarich e Paolo D’Alessio. “Dalla fattiva collaborazione tra Anci e Ics -si legge nel protocollo d’intesa- puo’ derivare un indubbio vantaggio per i Comuni”. L’Ics ”si impegna -si legge nell’articolo 2 del protocollo- a concedere ai Comuni e agli enti associati all’Anci, che intendano realizzare nel proprio territorio interventi di carattere sportivo o relativi a beni ed attivita’ culturali, mutui finalizzati alla costruzione, ampliamento, attrezzatura, miglioramento, ristrutturazione, completamento e messa a norma di impianti sportivi e/o strumentali all’attivita’ sportiva e di luoghi ed immobili destinati ad attivita’ culturali o strumentali ad essa, ivi compresa l’acquisizione delle aree e degli immobili relativi a dette attivita”’.Noi diamo come sempre un aiuto -prosegue Delrio- ai Comuni meno strutturati” ma la nostra priorita’ e’ ”far ripartire investimenti sull’impiantistica, di farne della nuova. In molte zone del Paese l’impiantistica e’ obsoleta, inadeguata o insufficiente. Uno dei principali problemi di questo Paese -sottolinea- e’ la mancanza di liquidita’ e quindi abbiamo bisogno di immettere liquidita’ nel sistema per promuovere anche lo sviluppo e la qualita’ di vita della nostra Comunita”’. “Lo sport e’ educazione -conclude Delrio- e’ cultura e quindi una Comunita’ che e’ priva di impiantistica sportiva e’ una Comunita’ piu’ povera, sia da un punto di vista culturale che educativo”.

 

(Adnkronos)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy