Serie A, Hellas Verona-Torino 1-3

di finconsadmin

Il monday night della ventiquattresima giornata di Serie A propone la gustosa sfida dal sapore europeo tra Verona e Torino. Al Bentegodi si affrontano due squadre in piena corsa per l’Europa League, che giocano un ottimo calcio: c’è da aspettarsi una partita ricca di emozioni.

 

Mandorlini dispone il suo classico 4-3-3, con il tridente pesante Iturbe-Toni-Gomez; Ventura risponde con il 3-5-2, sperando di far male agli avversari con le micidiali ripartenze della coppia Cerci-Immobile e con gli inserimenti di El Kaddouri. La partita si apre con una fase di assoluto equilibrio, con spazi intasati, ritmi bassissimi e pochi spunti interessanti; la posta in gioco è alta, le due squadre si temono e non vogliono prestare il fianco al contropiede avversario. La prima occasione arriva al 22’ ed è per l’Hellas, che sfiora il gol con un colpo di testa di Moras sugli sviluppi di un calcio d’angolo; la risposta dei granata è immediata: su una ripartenza a tutta velocità, Immobile arriva sul fondo e scarica a centro area dove arriva a rimorchio Masiello che calcia forte, ma non inquadra la porta. Al 35’ la partita subisce una improvvisa svolta: l’arbitro Rocchi sanziona con la massima punizione una trattenuta prolungata in area di rigore di Bovo su azione di calcio d’angolo; dal dischetto si presenta Toni, che spiazza Padelli e porta in vantaggio i suoi.

 

Il Toro esce dagli spogliatoi deciso a rientrare in partita:  prima al 48’ Cerci impegna Rafael con un bel diagonale, poi, al 50’, El Kaddouri pesca il movimento alle spalle dei difensori di Immobile, che, tutto solo in area di rigore, mette in rete. Il pareggio non accontenta gli uomini di Ventura, che, al 53’ passano ancora: El Kaddouri appoggia al limite dell’area per Cerci, che calcia col mancino in corsa, di prima intenzione, insaccando a fil di palo. I padroni di casa accusano l’uno due e faticano a riorganizzarsi. I granata ne approfittano per portarsi sul 3-1: al 61’, Cerci ricambia il favore ad El Kaddouri servendolo al limite dell’area; il centrocampista, senza pensarci due volte, si inventa un rasoterra angolato che non lascia scampo a Rafael. Il doppio svantaggio scuote il Verona, che reagisce immediatamente e sfiora il gol con un colpo di testa di Toni che impegna seriamente Padelli. I gialloblù provano a crederci e chiudono gli avversari nella propria metà campo, ma per farlo lasciano ampi spazi alla velocità di Cerci ed Immobile. Gli uomini di Ventura controllano la situazione difendendosi con ordine ed attenzione, anestetizzando la pressione avversaria con la loro organizzazione. Nei minuti finali, nonostante la generosa pressione degli scaligeri, il risultato non cambia;  il Toro espugna il Bentegodi, raccoglie i tre punti e aggancia Verona e Parma al sesto posto.

 

TABELLINO

 

Verona-Torino 1-3

 

HELLAS VERONA (4-3-3): Rafael; Agostini, Marques, Moras, Cacciatore(65’Martinho); Hallfredsson(77’Marquinho), Donadel, Romulo; Iturbe(77’Sala), Toni, Gomez Taleb.
 A disposizione: Nicolas, Albertazzi, Pillud, Donati, Cacia, Jankovic, Cirigliano, Rabusic, Gonzalez.
 Allenatore: Andrea Mandorlini.

 

TORINO (3-5-2): Padelli; Bovo, Moretti, Glik; Masiello, Kurtic, Vives, El Kaddouri(84’Farnerud),Darmian; Cerci(77’Meggiorini), Immobile(89’Larrondo).
A disposizione: Gomis, Berni, Rodriguez, Basha, Maksimovic, Pasquale, Vesovic, Tachtsidis.
Allenatore: Giampiero Ventura.

 

Arbitro: Rocchi di Firenze.

 

Reti: 35’ Toni(rig.), 50’Immobile, 53’Cerci, 61’El Kaddouri
NOTE Ammoniti:
El Kaddouri, Bovo,Vives, Hallfredsson,
Espulsi:-

 

P.Pennisi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy