Premier League 11/a giornata: Chelsea strappa vittoria esterna al Liverpool, il Southampton non molla; City solo pari con il QPR

Premier League: United vittorioso dopo un mese di digiuno; West Ham e Swansea quarte a parimerito; Arsenal: non basta l’ennesimo goal di Sanchez; Tottenham quarta sconfitta casalinga; Newcastle quarta vittoria di fila

di G. Giammusso

Il Chelsea continua a macinare successi e quest’anno è ancora imbattuto, pur militando in manifestazioni altamente competitive quali il massimo campionato inglese e la Champions League; in Europa condivide tale primato con il PSG (che però milita in una lega nazionale dove le squadre di alto livello non sono paragonabili all’Inghilterra). Persino lo schiacciasassi Bayern Monaco ha ceduto il passo, seppur ad inizio campionato, in supercoppa di lega con il Dortmund. Neppure un Liverpool apparso in uno stato di buona forma, che ha a tratti dominato soprattutto nel primo tempo, è riuscito a strappare una vittoria, che pure sembrava possibile quando dopo appena 9’ minuti Can faceva partire un tiro che si depositava in rete, complici le deviazioni della difesa Blues. Cahill appena 5’ minuti dopo (rete convalidata con l’ausilio della tecnologia, che in Premier League è una realtà) ed il solito Diego Costa, a metà del secondo tempo, spengono le speranze dei Reds e proiettano il Chelsea alla guida incontrastata del campionato: è 1-2 ad Anfield, Mourinho non sbaglia un colpo.

Rincorre senza dimostrare segni di cedimento il Southampton, che concretizza la quarta vittoria consecutiva, dominando e convincendo, liquidando per 2-0 un Leicester modesto che viene piegato per ben due volte in 5’ da Shane Long, subentrato nel secondo tempo; ancora ottimo gioco ed un assist a testa per i fondamentali Wanyama e Pelle’: il gioco di Ronald Koeman incanta la Gran Bretagna e gli appassionati di football di tutto il mondo, dimostrando come la forza del collettivo possa contrastare gli squadroni multimilionari, offrendo un gioco bello, organizzato e vincente.

Solo pari per il City, apparso affaticato dopo gli impegni di Champions, che non riesce ad andare oltre il 2-2 contro il buon QPR che già aveva rischiato di fermare la capolista Chelsea; il risultato finale appare anzi buono, alla luce degli eventi intercorsi durante la partita, che hanno visto i Citizens sotto di un goal per due volte nel corso della partita (Austin prima e autorete di Demichelis poi). Solo il solito Kun Aguero pone rimedio, per ben due volte, salvando di fatto i suoi; sempre più capocannoniere il campione argentino.

Quinto risultato consecutivo per un buon West Ham, che mantiene il contatto con la parte alta della classifica, pur non riuscendo ad andare oltre lo 0-0 contro un Aston Villa in evidente crisi di risultati.

Appaiato al quarto posto troviamo un inaspettato Swansea, che sembra aver ripreso lo slancio avuto nella fase iniziale del campionato: quelli strappati in casa contro l’Arsenal, affaticato dalla competizione europea infrasettimanale, sono 3 punti pesantissimi, maturati in rimonta dopo lo 0-1 del solito Sanchez. Di Sigurdsson e Gomis le segnature gallesi che fissano il risultato sul definitivo 2-1, per l’Arsenal è un nuovo passo falso, non sempre può essere sufficiente la quantità del campionissimo cileno.

Ritrova la via della vittoria, dopo un travagliato mese di astinenza, un Manchester United che per scacciare i fantasmi del derby perso aveva a disposizione un solo risultato, che non si è fatto attendere, seppur con il risultato minimo di 1-0. Dopo un dominio incessante durato tutta la partita, il Crystal Palace è stato costretto a piegarsi, a metà del secondo tempo, al gran tiro da fuori area di Juan Mata.

I londinesi Spurs dimostrano nuovamente di soffrire gli impegni ravvicinati, concedendo una vittoria tra le mura amiche ad uno Stoke abile a sfruttare gli spazi concessi: è 0-2 parziale a fine primo tempo, Krkic e Walters sono abili a realizzare reti nelle veloci ripartenze, arma in più dei Potters. Per il Tottenham è l’ormai bomber Chadli ad accorciare le distanze con una grande botta al volo sotto l’incrocio dei pali, ma non basta: la partita termina 1-2 e gli Spurs vedono sempre più lontane le parti alte della classifica.

Chiudono il quadro della 11/a giornata la prima vittoria in questa edizione della Premier League per il fanalino di coda Burnley, che batte in casa l’Hull per 1-0; pari 1-1 tra Sunderland ed Everton; ottima prestazione del Newcastle che guadagna una convincente quarta vittoria consecutiva sul difficile campo del West Bromwich.

Di seguito il tabellino dell’undicesima giornata di Premier League:

Liverpool – Chelsea 1-2
Burnley – Hull 1-0
Manchester United – Crystal Palace 1-0
Southampton – Leicester 2-0
West Ham – Aston Villa 0-0
QPR – Manchester City 2-2
Sunderland – Everton 1-1
Tottenham – Stoke 1-2
West Brom – Newcastle 0-2
Swansea – Arsenal 2-1

Classifica Premier League:

Chelsea 29; Southampton 25; Manchester City 21; West Ham, Swansea 18; Arsenal 17; Manchester United, Newcastle 16; Stoke 15; Everton, Liverpool, Tottenham 14; West Brom 13; Sunderland 12; Hull, Aston Villa 11; Crystal Palace, Leicester 9; QPR 8; Burnley 7

Classifica marcatori:

Aguero (Manchester City) 12; Costa (Chelsea) 10; Sanchez (Arsenal) 8; Berahino (West Brom) 7; Austin (QPR), Chadli (Tottenham), Pelle’ (Southampton), Sakho (West Ham) 6; Ulloa (Leicester) 5

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy