Lazio, Lotito: “Io onnipresente? leggende metropolitane. Dormo poco e sono su tutti i problemi”

“I colleghi mi hanno dimostrato fiducia, questo nasce dalla mia dedizione e dalla competenza che mi è riconosciuta.”

di finconsadmin

Dopo la sconfitta di ieri sera contro l’Udinese, il presidente della Lazio Claudio Lotito ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

“E’ un momento particolare: ci dobbiamo assestare, dopo tanti cambiamenti anche nello staff tecnico. Abbiamo bisogno di rodaggio, è un momento negativo ma alla fine ed alla lunga il lavoro e lo spirito di gruppo prevarranno. Non riusciamo a concretizzare, anche ieri abbiamo avuto tante occasioni ma se non butti la palla dentro, rischi di prendere un tiro ed un gol. I nostri hanno ottime qualità, ieri però avevamo sette giocatori fuori tra infortuni e squalifiche; nonostante questi, però, siamo riusciti a dare qualità di gioco di un certo tipo. Pioli? E’ la quarta, se cominciamo a parlare di allenatori dopo quattro partite è fuori luogo. La squadra ha grande considerazione di lui, non penso che al momento il problema sia il tecnico. Non sono contento, ma non vedo tutto nero, non ci sono i presupposti per farlo. Col Genoa dovevamo vincere 7-0, prima degli infortuni gravi, ieri la palla non voleva entrare. L’ho detto anche al mister, ora conta vincere al di là della qualità, non conta solo giocare bene. Critiche e battute nei miei confronti per la mia ‘onnipresenza’? E’ una leggenda metropolitana che nasce da situazioni. Io dormo poco, lo sanno tutti, questo determina la capacità di essere sempre su tutte ‘le palle’, come si dice nel calcio, così come su tutti i problemi amministrativi. I colleghi mi hanno dimostrato fiducia, questo nasce dalla mia dedizione e dalla competenza che mi è riconosciuta. Chi non ha questo appeal dal punto di vista del ruolo e delle capacità, si lamenta di Lotito sempre presente”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy