Globe Soccer Awards 2020, Infantino: “Dobbiamo riorganizzare il calcio e i formati delle coppe”

Il presidente della Fifa annuncia diversi cambiamenti nei prossimi anni: “Bisogna dare proteggere i calciatori, la salute, bilanciare club e nazionali”

di Redazione, @forzaroma
infantino globe soccer awards 2020

Oggi a Dubai si sono assegnati i Globe Soccer Awards 2020, dei riconoscimenti individuali che hanno eleto i migliori giocatori e allenatori dell’anno e soprattutto del secolo. Ad aggiudicarsi il trofeo come calciatore del secolo è Cristiano Ronaldo, che ha battuto Messi, Ronaldinho e l’ex Roma Salah. A margine della cerimonia sono arrivate anche le parole di Gianni Infantino, presidente della Fifa: “Quest’anno il calcio può comunicare un nuovo messaggio di fratellanza e solidarietà. Stiamo giocando in stadi vuoti, ma ci sono milioni di spettatori che sperano di tornare alla normalità e noi stiamo lavorando per riportarli negli stadi”.

Ma soprattutto lo scenario è quello di modificare sostanzialmente i formati delle competizioni: “Questo lockdown ci ha permesso di riflettere sul futuro, ma il calcio è la cosa più importante delle cose meno importanti, e forse dobbiamo riconsiderare il modo in cui lo abbiamo organizzato fino ad ora. Dobbiamo proteggere il gioco e i calciatori, forse bisogna ripensare ai formati delle nostre competizioni e a come trovare un bilanciamento migliore tra i club e le nazionali, tra campionati e coppe, tra competizioni lunghe e corte. Dobbiamo ridurre i viaggi per preservare la salute e dobbiamo mettere in dubbio tutto quello che è stato fatto negli ultimi anni”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy