Feyenoord, Gudde (Dg): “Le banane gonfiabili sono parte dell’attività del nostro tifo organizzato”

“E’ un’abitudine, un’attività divertente da atmosfera. E’ inopportuno che il Feyenoord sia ora associato al razzismo per via di quelle banane gonfiabili”

di Redazione, @forzaroma

Il Feyenoord non ci sta. Il club olandese accusato dall’opinione pubblica di razzismo, dopo il lancio della banana gonfiabile all’indirizzo di Gervinho nella partita di ritorno dei sedicesimi di Europa League, cerca di difendersi come può. Anche perchè l’Uefa è pronta a sanzionare sia la società che i tifosi. A parlare è Eric Gudde, Dg dei biancorossi. Le banane gonfiabili sono parte dell’attività del tifo organizzato del Feyenoord per creare una buona atmosfera allo stadio. L’oggetto in questione è stato visto spesso sulle tribune del De Kuip, a partire dagli anni Ottanta. Il Feyenoord è un club multiculturale. Mi delude che il club sia ora associato al problema del razzismo. Abbiamo dimostrato alla UEFA attraverso foto e filmati che la banana gonfiabile è parte delle attività organizzate dai nostri sostenitori. Durante la trasferta a Roma, per esempio, si sono visti palloni da spiaggia e banane gonfiabili, mentre un paio di anni fa articoli di questo tipo erano ben visibili in tribuna. E’ un’abitudine, un’attività divertente da atmosfera. E’ inopportuno che il Feyenoord sia ora associato al razzismo per via di quelle banane gonfiabili”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy