Duro botta e risposta Lotito-Marotta: L’ad Juve: “Ha troppo potere. E’ pericoloso”. Il presidente della Lazio: “Non ha titoli per parlare”

“Il dottor Marotta, non so neanche se sia dottore, ha un ruolo anche nelle istituzioni perche’ e’ vicepresidente del Settore Tecnico e non mi sembra che ad oggi ci siano state delle grandi novita’, da quando lui lo gestisce”

di finconsadmin

Botta e risposta tra Beppe Marotta e Claudio Lotito. Inizia l’amministratore delegato della Juventus, risponde il presidente della Lazio. Parte Marotta, che ai microfoni di RaiSport dice di augurarsi che arrivino le riforme necessarie per rilanciare il calcio italiano. Poi degue la parte che non piace al presidente della Lazio. “Lotito era definito come un personaggio folcloristico – e’ la frase incriminata – oggi e’ un personaggio che ha un estremo potere e tanto potere in mano a una sola persona e’ pericoloso, si rischia di finire nel vuoto“.

Pronta la replica del diretto interessato. “A me interessa solo l’opinione del presidente Agnelli che e’ il massimo esponente della Juventus, l’unico titolato ad esprimere la posizione della società“, risponde asciutto Lotito, “Il dottor Marotta, non so neanche se sia dottore, ha un ruolo anche nelle istituzioni perche’ e’ vicepresidente del Settore Tecnico e non mi sembra che ad oggi ci siano state delle grandi novita’, da quando lui lo gestisce“.
Il presidente Tavecchio ed il sottoscritto cercheremo di far condividere le posizioni gia’ condivise nell’assemblea di lega” aggiunge il numero uno biancoceleste. “Io mi attengo a quanto deliberato in assemblea di A, quando e’ stato approvato un programma condiviso dal presidente Tavecchio e votato all’unanimita’, compresa La Juve che prevedeva le seconde proprieta’ e visto che viviamo in un sistema democratico vale che la maggioranza – in questo caso schiacciante – deliberi certe posizioni“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy