Coronavirus, Cellino: “Il governo ci sconti contributi su stipendi calciatori per evitare fallimento”

Coronavirus, Cellino: “Il governo ci sconti contributi su stipendi calciatori per evitare fallimento”

“Per lo Stato sarebbe una perdita di 150 milioni. Ma non è peggio se fallisce il calcio italiano?”

di Redazione, @forzaroma

“Il governo ci sconti i contributi sugli stipendi dei giocatori”. E’ la richiesta di Massimo Cellino, presidente del Brescia. Queste le sue parole rilasciate a La Repubblica:

Presidente Cellino, crede sia la scelta migliore?
Per lo Stato sarebbe una perdita di 150 milioni. Ma non è peggio se fallisce il calcio italiano, che oggi è la terza azienda del Paese?

Certamente, ma lei teme addirittura un default?
Nella più rosea delle previsioni, potrebbe ripartire a porte chiuse la prima settimana di maggio, e riusciremmo a limitare i danni. Potremmo dare ai calciatori 25 giorni di vacanza e farli tornare il 15 aprile. A quel punto le vacanze le avrebbero già fatte e si potrebbe finire il campionato tra maggio e giugno. Ma se la cosa va peggio di come pensiamo, perdiamo 5 mesi di campionato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy