Calcioscommesse, Rocca: “No a patteggiamenti ma pene severe”

di Redazione, @forzaroma

«Il calcio esce devastato da questa situazione che si è creata. Non ci deve essere spazio per patteggiamenti, chi ha sbagliato deve essere radiato. Questa gente non deve rimanere nel mondo del calcio. I giocatori hanno il dovere morale di essere d’esempio»

: così intervenendo a ‘radio Anch’io Sport’ Francesco Rocca si pronuncia sullo scandalo calcioscommesse.

L’ex giocatore della Roma, oggi tecnico federale, non nasconde la sua amarezza e sulla ‘provocazionè del premier Monti che aveva auspicato uno stop del calcio per 2-3 anni, dice: «Vanno fermate le persone che hanno sbagliato – sottolinea ‘Kawasakì – i giovani hanno bisogno di certezze. Il calcio non va fermato ma ripulito. E un grazie va ai magistrati. Io ho speso una vita ad essere d’esempio per i giovani. Dobbiamo far crescere i ragazzi nel concetto di lealtà. Anche se non diventeranno calciatori, saranno cittadini migliori».

(ANSA)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy