Calcioscommesse: la Juventus punta al proscioglimento di Conte

di Redazione, @forzaroma

Proscioglimento. Questo e’ l’obiettivo dichiarato apertamente dai legali di Antonio Conte, Bongiorno, De Rensis e Chiappero, in vista del terzo grado davanti alla commissione giudicante del Tnas. ”Per Conte e’ meglio un secolo di squalifica che patteggiare per fatti che non ha commesso”, ha sintetizzato l’avvocato Bongiorno. Subito sara’ inoltrato il ricorso urgente per ottenere la sospensiva della squalifica in attesa del giudizio del Tnas. E poi si riparte per il terzo grado con la seguente linea difensiva, che spiega in sintesi l’avvocato De Rensis: ”Fino a ieri Carobbio era ritenuto credibile, oggi non lo e’ piu’ (allusione al proscioglimento per Novara-Siena, ndr). C’e’ stata la volonta’ di perseguire comunque un’accusa, e’ un dato di fatto. Hanno ricercato solo una verita’ e non la verita”.

 

Verranno quindi probabilmente riprese in esame le testimonianze dei quindici giocatori del Siena che hanno scagionato Conte, per opporle alla deposizione di Carobbio, di cui la Bongiorno dice che ”la sua intermittenza e’ sospetta”. Ruota tutto dunque attorno ancora a Carobbio, di cui Chiappero ricorda che ”ha ammesso che la riunione tecnica prima di Albinoleffe-Siena e’ stata tale, piena di forza emotiva”, cioe’ come una riunione di vigilia vera. Verra’ automaticamente ricusato il metodo di indagine di Palazzi, partendo da un passaggio fondamentale: ha dichiarato, nelle motivazioni, che i giocatori del Siena si erano tutti assentati al momento della frase sospetta che avrebbe pronunciato Conte sul pari aggiustato. La Bongiorno non esclude nemmeno (”ne riparleremo piu’ avanti”) di ricorrere alla giustizia ordinaria con richiesta di danni e contro la violazione – cosi’ la definisce l’avvocato – della Costituzione quando si ”nega all’imputato il diritto di difendersi”. (ANSA)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy