Borussia M’Gladbach, Elvedi: “Sul rigore non ho visto niente, ci saremmo arrabbiati anche noi”

Borussia M’Gladbach, Elvedi: “Sul rigore non ho visto niente, ci saremmo arrabbiati anche noi”

Il difensore ha parlato anche del match di ritorno di giovedì sera: “Sarà un’altra partita intensa ed equilibrata”

di Redazione, @forzaroma

Giovedì sera la Roma scenderà in campo per la quarta giornata di Europa League. I giallorossi affronteranno il Borussia Mönchengladbach, che ha ottenuto il pareggio all’Olimpico all’ultimo secondo grazie ad un rigore inesistente fischiato dall’arbitro Collum. Nico Elvedi, difensore della squadra tedesca, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Calciomercato.it, parlando di quell’episodio e analizzando il match contro la Roma. Queste le sue parole:

Che sfida è stata quella dell’Olimpico?

“Una partita molto intensa tra due squadre forti, su un campo in condizioni difficili a causa dell’intensa pioggia. Siamo partiti bene e meritavamo il vantaggio, poi abbiamo mostrato grande forza mentale a restare in gara. Il pareggio era assolutamente giusto”.

È stato decisivo quel rigore di cui in Italia (e non solo) hanno parlato tutti. Eri parte dell’azione: anche tu, come l’arbitro, avevi visto Smalling colpire il pallone col braccio?

“Era una contesa su un calcio di punizione ed ero concentrato sul pallone, volevo far gol. Sul momento, non sono riuscito a vedere altro, ma ovviamente capisco la reazione dei giallorossi alla decisione dell’arbitro.
Avrebbe fatto arrabbiare anche noi”.

Cosa pensi di quell’errore? Non è strano che in Europa League non si utilizzi il VAR?

“Tutti commettiamo errori durante una partita, l’arbitro in quel caso si è sbagliato. Tutto il resto non mi riguarda: per me è stato fondamentale portare a casa un punto alla fine, un punto meritato”.

Che Roma ti aspetti per la gara di ritorno?

“Sarà un’altra partita intensa ed equilibrata. Nel nostro girone di Europa League è ancora tutto in gioco”

C’è stato qualche giallorosso che ti ha impressionato positivamente in campo?

“Come difensore posso parlare degli attaccanti, e sulla classe di Edin Dzeko c’è poco da discutere. Anche gli esterni giovani e rapidi Kluivert e Zaniolo e l’esperto Javier Pastore sono giocatori molto forti. Devi stare attento ad ognuno di loro”.

Nei mesi scorsi, diversi rumors ti hanno accostato a squadre italiane. Ti piacerebbe, un giorno, giocare in Serie A?

“Di queste faccende si occupano i miei agenti e, onestamente, non mi interessano molto. Nel calcio nulla è scontato, ma sono al quinto anno a Mönchengladbach e qui sono molto felice”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy