Benatia è pronto per tornare a Roma

Benatia è pronto per tornare a Roma

Il sito ufficiale della Uefa dedica un approfondimento al difensore marocchino, definito: “Una componente fondamentale del progetto di Guardiola per la Champions”

di Bruno Di Benedetto, @BrunoDibe

In vista della sfida di Martedì tra Roma e Bayern Monaco, il sito ufficiale della Uefa (Uefa.com), ha deciso di pubblicare un focus su Benatia. Per il difensore marocchino sarà infatti una situazione particolare, in cui confronterà il suo presente con il recente passato. Di seguito, la traduzione dell’articolo:

Questa stagione, ancora di più rispetto alla precedente, Guardiola è stato imperscrutabile sulla squadra e la formazione del Bayern. Sembra tuttavia che Benatia rappresenti una componente fondamentale del suo progetto per la Champions.

I campioni di Germania in carica sono solo alla terza partita della loro nuova avventura in Europa, ma se in campionato il nuovo acquisto è partito titolare solo una volta in campionato, nelle due partite del girone E è rimasto fuori dal campo solo 5 minuti. Ci si aspetta di vederlo di nuovo in squadra quando il Bayern incontrerà la Roma, martedì. Un match che ha un significato speciale per il 27enne marocchino; la scorsa stagione, infatti, lo Stadio Olimpico era la sua casa.

Durante i suoi 12 mesi a Roma, Benatia è stato uno dei pilastri della squadra, facendosi apprezzare per la grande abilità nel recuperare palloni e per la solidità palla al piede – qualità queste, che dovrebbero permettergli di esaltarsi anche nel sistema di Guardiola. Con i giallorossi l’hanno scorso ha collezionato 33 presenze, segnando 5 gol. Era un punto stabile nei piani della società finché il Bayern non è venuto a bussare in cerca di copertura per il lungo infortunio di Javi Martinez. Al termine di una lunga trattativa, che i Bavaresi hanno portato a compimento sborsando 26 milioni, ha firmato un contratto di cinque anni. 

Il Marocchino ha avuto uno sviluppo tardivo come calciatore: lasciato andare dall’Olympique Marsiglia, all’eta di 21 anni giocava in Ligue 2 quando l’Udinese Calcio ha deciso di puntare su di lui nel 2010. Un investimento per cui i dirigenti sono stati premiati, visto che in tre anni Benatia si è trasformato in uno dei migliori difensori centrali in Italia ancora prima di andare alla Roma.

Con la Roma ha subito smentito coloro che l’avevano ritenuto troppo caro quando valeva 13,5 milioni, costituendo una grande coppia difensiva con Leandro Castam. Nel filotto di dieci vittorie in campionato all’inizio dell’anno scorso, i giallorossi hanno subito un solo gol. “È davvero forte” ha detto di lui Castan “Ed è anche una grande persona. Parliamo molto in campo e ci capiamo perfettamente“.

In occasione della doppietta, segnata da Benatia nella vittoria 4-0 contro il Catania a Dicembre, la Gazzetta dello Sport ha scritto: “Roma è ai suoi piedi. Non solo per i due gol segnati – è il vero simbolo della nuova Roma: affamata, forte, determinata”.

Comunque, la sua permanenza nella capitale non era destinata a durare a lungo. Il Bayern gli ha presentato una nuova sfida, convinto che avesse le qualità necessarie; Benatia può infatti giocare con diversi sistemi (un vantaggio con guardiola), non concede spazi in fase difensiva e ha una struttura di 191 centimetri da far valere in entrambe le aree.

Il suo periodo di ambientamento è stato intralciato da qualche inconveniente e sta ancora cercando di inserirsi al meglio, ma quello che gli manca in ritmo-partita lo compenserà senz’altro con la motivazione che gli viene dall’incontrare i suoi ex compagni di squadra. Gervinho, Francesco Totti e Miralem Pjanic sanno certamente cosa aspettarsi: si ha la sensazione che, a breve, tutti lo sapremo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy