Belgio, dopo la paura inizia il ritiro

La Nazionale belga è tornata oggi pomeriggio in campo dopo gli attentati di Bruxelles

di Redazione, @forzaroma

Si prova a ritornare alla normalità. Alle 16:30 di oggi, il Belgio è tornato ad allenarsi allo stadio Re Baldovino di Bruxelles. L’accesso è stato vietato a tifosi e giornalisti per motivi di sicurezza.

Ieri mattina la Nazione ha dovuto fare i conti con una vera e propria tragedia. Diverse bombe hanno colpito l’aeroporto della capitale e due stazioni metro nei pressi del Parlamento Europeo. Non lontano da una delle due fermate della metro colpite, si trovavano Nainggolan e i suoi compagni in ritiro per le amichevoli in vista dell’Europeo. Le linee telefoniche erano per la maggior parte interrotte, ma grazie ai social network i giocatori sono riusciti a mettersi in contatto con le proprie famiglie e squadre.

La nazionale belga ha trascorso l’intera giornata di ieri ad aspettare un comunicato riguardo all’amichevole prevista per il 29 Marzo contro il Portogallo di Cristiano Ronaldo. Inizialmente si era optato per il rinvio della partita, ma il terrore non poteva vincere. Nella giornata di oggi è arrivata l’ufficialità: Belgio-Portogallo si giocherà, ma in casa dei portoghesi.

“Sono vicino alle famiglie delle vittime.” scrive così Radja Nainggolan postando sui social una foto che ritrae la bandiera del Belgio. “Stay strong!” continua il Ninja con una bellissima immagine di due mani strette intorno ai colori della Nazionale belga.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy