AIC, Tommasi: “Con mascherine e distanziamento sarà un calcio depotenziato”

Il presidente dell’assocalciatori aggiunge: “Poi ho letto che il pallone può essere elemento di contagio e sono stranito perché è l’oggetto che sul campo lega tutti”

di Redazione, @forzaroma

Damiano Tommasi, presidente dell’AIC, torna a parlare e lo fa trattando il tema del distanziamento sociale nel mondo del calcio, che sta provando a tenere tutte le misure del caso anche negli allenamenti individuale. Queste le sue parole a La Gazzetta dello Sport: “Speriamo che tutto ciò basti. A me, più delle mascherine, suscita perplessità il distanziamento sociale, questo metro di distacco che oggi come oggi bisogna rispettare anche sul campo. È strano, è una misura che allenta l’energia tipica dello sport. Il calcio depotenziato. Poi ho letto che il pallone può essere elemento di contagio e sono stranito. Il pallone è l’oggetto che sul campo lega tutti e crea attrazione perché tutti lo tengono d’occhio e puntano a toccarlo. Lo spogliatoio venuto meno, in questa fase, è una cosa che mi lascia abbastanza indifferente, non ho mai creduto nella sua sacralità, penso che le squadre diventino tali per altre vie. Mascherine? Non mi risulta -che si pensi a un accorgimento simile in campo. Anzi, non penso che sia possibile”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy