Zoff: “Da Totti pretendevo sempre di più, l’ho preferito a Del Piero”

Parla l’ex ct della Nazionale: “Ho una grandissima considerazione di Francesco, ha sempre avuto grandi potenzialità. Di Francesco persona a modo e intelligente”

di Redazione, @forzaroma

L’ex commissario tecnico della Nazionale italiana Dino Zoff è intervenuto ai microfoni di Teleradiostereo per parlare della nuova Roma di Di Francesco e non solo. Ecco le sue dichiarazioni:

Che pensi delle squadre italiane in Europa?
“Sono fiducioso, il calcio italiano, al di là delle considerazioni, farà la sua figura. Abbiamo squadre in Champions League che possono dire la loro. La Roma, se si sistema un po’ in difesa, può fare il suo. Qualcosa nel reparto arretrato va fatto, la Roma è sempre una squadra di tutto rispetto. Lazio, Milan e Atalanta in Europa League possono fare bene. L’Atalanta è poco esperta”.

Un giudizio su Alisson?
“Fino a qui ha fatto bene. Mi sembra abbastanza completo, non mi piace dare giudizi specifici. Lo vedremo quest’anno, dove sarà titolare e si vedrà”.

 

Szczesny è il giusto erede di Buffon?
“Lo scorso anno ha fatto un grande campionato, può fare bene”.

Che pensi della carriera di Totti?
Ho una grandissima considerazione di Francesco. I giornalisti di Roma dicevano che non mi piaceva, ma da lui pretendevo sempre di più, perché ha sempre avuto grandi potenzialità e poteva fare di più. È stato sfortunato in Nazionale, ma con me ha giocato alla grande. L’ho preferito a Del Piero. Lo pungolavo continuamente perché avevo visto la grandissima potenzialità”.

Il tuo portiere preferito in Serie A?
“Buffon e Donnarumma, poi vediamo chi salta fuori dopo”.

Tra i convocati della Nazionale di Zoff c’è stato spesso Di Francesco…
“È stato sempre un ragazzo a modo. È un ragazzo intelligente e non mi ha meravigliato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy