Zeman, ‘ritorno al futuro’. Osvaldo? Madrid chiama

di Redazione, @forzaroma

(di Giovanni Gallo) – Conclusa la giornata di oggi possiamo dire con certezza che Zeman sarà l’allenatore della Roma 2012-2013. Baldini ha parlato chiaro, la scelta è stata fatta in funzione di un progetto

fondato su giovani talenti da far crescere e valorizzare, inserendo innesti importanti. “Non prima di aver discusso abbastanza dettagliatamente di tutto quello che concerne il possibile ritorno di Zeman – ha confessato Baldini a Roma Channel – E mi sento di poter dire che l’ottimismo sul felice esito della vicenda sia ragionevole, anche se mancano dettagli da definire, e questo e’ un lavoro che ovviamente completeremo nei prossimi giorni. Credo sia da escludere il caso di trovarsi a sorprese di qualsiasi genere”. L’annuncio arrivera’ domani sera nel corso di una conferenza stampa che il boemo terra’ prima del Memorial ‘Franco Mancini’. “Zeman  è una continuazione delle linee guida intraprese lo scorso anno perche’ comunque parlavamo di un calcio attrattivo. Questo era il termine che abbiamo sempre usato, e credo che Zeman possa rispondere tranquillamente a questo tipo di criterio”. Così ha concluso il dg a Sky Sport24.

Zeman e i giocatori del Pescara sono stati premiati oggi nel Palazzo della Provincia di Pescara dal presidente Guerino Testa che ha consegnato dei riconoscimenti in ricordo Franco Mancini. Applausi per il boemo in sala, ma la tifoseria organizzata non ha preso una posizione ufficiale, sui vari siti specializzati sono stati diversi i commenti e i messaggi di dissenso nei suoi confronti; è presa in considerazione una protesta.

Sulla sponda giallorossa gli umori sono inversi, viene alla mente il biennio romanista e le sue caratteristiche: miglior attacco del campionato sia nella stagione 1997-98 (67 gol fatti come la Juventus Campione d’Italia) che nel 1998-99 (69 gol fatti). Vecchi ricordi e vecchi giocatori che tornano a parlare del loro ex allenatore. Ecco alcuni nomi illustri della recente storia giallorossa:

Vincent Candela: “Mi fa tanto piacere vedere Zeman sulla panchina della Roma, lui è uno che mette passione e amore in campo. Io lo stimo tanto anche se all’epoca  in cui mi allenava abbiamo litigato spesso. Il boemo ci faceva lavorare tanto: i gradoni, la preparazione di tutti i giorni, i ritiri che duravano un mese, mancavano 2 giornate alla fine del campionato e ancora facevamo i gradoni. Noi eravamo giovani e un po’ stupidi, era difficile da capire che era per il nostro bene e quindi a volte io e lui litigavamo. Adesso dopo 10 anni mi rendo conto che facevamo bene e ci divertivamo in campo. Anche quando è andato via ci ha lasciato l’abitudine a lavorare tanto, ci ha dato l’abitudine, il ritmo e la mentalità”.

Luigi Di Biagio: Zeman non è cambiato per niente, fa sempre il suo gioco. Quest’anno rispetto ad agli altri si è spiegato meglio e i movimenti venivano fatti proprio come chiedeva lui. E’ vero – continua Di Biagio – che il suo Pescara quest’anno è stato più ordinato ma evidentemente è capitato perché i giocatori si plasmavano meglio al suo credo tattico. Quest’anno De Rossi sarà il faro della nuova Roma, Totti invece farà il centravanti.”

IL PORTO NON FA SCONTI. OSVALDO, OCCHIO AL REAL – Un nome che incomincia a essere frequentemente accostato alla Roma è quello di Rolando. Conferme arrivano direttamente dall’ agente FiFa, che fa parte del team che si occupa tra gli altri anche del portoghese, Peppino Tirri, contattato dalla nostra redazione: “La Roma è sul giocatore da tempo così come lo è la Juventus. Credo, però, che il Porto non farà sconti. Per meno di 15 milioni la dirigenza della squadra lusitana non lo farà partire. Sabatini, comunque, stima molto il calciatore.”

Lo stesso Walter Sabatini avrebbe messo gli occhi su Carlos Sanchez, centrocampista colombiano in forza al Valenciennes. Secondo il portale sportivomercato365.com martedì ci sarà un incontro tra le parti per parlare del giocatore.

L’agente di Pablo Osvaldo, l’italoamericano Decoud, ha voluto commentare le indiscrezioni degli ultimi giorni, che vedono il suo assistito nelle mire del Real Madrid. Il procuratore conferma così le voci di mercato: E’ vero che il Real segue Osvaldo? “Si è vero, l’interesse del Real Madrid per Pablo è reale. Ma gli spagnoli non si sono ancora rivolti a me, ne dovreste parlare con Sabatini”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy