Zeman: “La Roma non è il club per Schick. DiFra non lo voleva e non sa cosa farci”

Zeman: “La Roma non è il club per Schick. DiFra non lo voleva e non sa cosa farci”

Il tecnico boemo: “I giallorossi lavorano con tre attaccanti, ma il centravanti è Dzeko. Alla Samp sembrava un buon giocatore, ma giocava centralmente”

di Redazione, @forzaroma

Roma e Repubblica Ceca sono due mondi lontani, in grado di toccarsi poche volte. Sicuramente con Zdenek Zeman, nelle sue due versioni negli anni ’90 prima e nell’era americana poi. Poi, più recentemente, con Patrik Schick, l’astro nascente del calcio ceco che Monchi ha strappato alla concorrenza dopo aver fallito l’assalto a Mahrez. “Non credo che la Roma sia il club adatto a lui, mi sembra che Di Francesco neanche lo volesse”, ha detto il tecnico al portale “sport.cz”. E il problema sembra essere sempre la posizione: “Giocano con tre attaccanti, ma il centravanti è Dzeko e lui non riesce a trovare spazio. Di Francesco non sa cosa fare con lui”. Eppure Giampaolo era riuscito ad esaltarlo: “A Genova era un buon giocatore, ma giocava in posizione centrale”.

EQUIVOCO – Lo stesso Giampaolo non ha mai nascosto le sue perplessità sulla sua posizione in campo: “Non gioca nel suo ruolo, da ala è limitato”, il leitmotiv di tutta la passata stagione. Quest’anno anche Di Francesco sembra essersi orientato su un ruolo più centrale. Almeno in campo, perché nelle gerarchie il titolarissimo resta Dzeko. E ci mancherebbe.

RINASCITA – Eppure questa stagione era partita con le migliori delle premesse: preparazione estiva col personal trainer Michal Bretenar e amichevoli da capocannoniere. Poi, però, Dzeko si è ripreso il posto e la Roma è entrata subito in crisi. Crisi dalla quale i giallorossi sembrano essere usciti, ma nella quale è rimasto ancora intrappolato Schick. E i tifosi gli contestano soprattutto l’atteggiamento: dopo l’ingresso svogliato e lento contro il Real Madrid al Bernabeu, non gli hanno risparmiato feroci critiche. Di Francesco è riuscito a raddrizzare la nave, adesso l’ultimo e più difficile compito di recuperare un patrimonio da 40 milioni.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 1 anno fa

    non era un campione alla Samp e non è una pippa oggi, è un buon giocatore con del talento sicuramente, ma anche con molti limiti, e di sicuro non vale tutti quei soldi che lo abbiamo pagato. Per me non è da Roma, di occasioni gliene sono state date diverse, tutte regolarmente disattese

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. cpg35600 - 1 anno fa

    Questo Shick dovrebbe essere PRESTATO per un anno alla Samp. Solo allora si potrà vedere se e quanto vale. Altrimenti si potrebbe pensare che non è giocatore per grandi squadre di grandi città. Destinato a sfondare solo nelle periferie!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy