Zeman, ad ore l'annuncio. Verratti il sogno, Gago sempre più lontano

di Redazione, @forzaroma

(di Alessio Nardo) Passano le ore e Zdenek Zeman è sempre più vicino a sposare la Roma per la seconda volta.

Il tecnico boemo nella giornata di oggi ha diretto l’ultimo allenamento stagionale del Pescara (tra l’affetto dei tifosi presenti), prima di congedarsi definitivamente dai suoi ragazzi.

Avvicinato dall’inviato di ‘Te la do io Tokyo’, l’artefice della straordinaria promozione in Serie A degli abruzzesi ha tentato di smorzare gli entusiasmi: “Non ho salutato i giocatori? E perché li dovevo salutare? Noi ci rivediamo…Nell’intervista a Sky ho parlato della Roma ma è stato tagliato qualcosina. Ho detto nel caso in cui (allenassi la Roma ndr). Questo però voi (giornalisti ndr) non lo mettete…. Se venerdì incontrerò Sabatini? Vedi quante cose escono e io ne sono all’oscuro?”

Aldilà delle ovvie dichiarazioni di facciata, il ritorno di Zeman a Roma sembra ormai ad un passo. La conferma arriva direttamente dal presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, intervenuto ai microfoni di Centro Suono Sport: “Con il mister c’è un rapporto di assoluta correttezza, parlo molto con lui, già sei mesi fa mi disse che sarebbe rimasto a prescindere, ma se fosse passato un unico treno, quello della Roma, lui avrebbe voluto salirci, del resto ha 65 anni. Lui abita a Roma, ha voglia di riprovare a stare su questa panchina. Avendo vissuto un anno con lui, devo dire che a mio avviso è ancora molto combattuto in questa decisione. Pescara gli è rimasta dentro. Mi dispiace, mi sarei aspettato che lui rimanesse, ma ne posso parlare solo bene”.

Vincent Candela e Carmine Gautieri, due protagonisti della prima Roma zemaniana,  accolgono positivamente l’imminente ritorno del boemo nella Capitale: “A livello calcistico è uno dei piu forti ha detto l’ex terzino francese a gazzettagiallorossa.it perché fa divertire e l’ha dimostrato l’anno scorso con il Pescara che dopo il Barcellona, è stata la squadra a fare più gol in Europa. E’ uno che conosce bene il calcio. Il suo calcio non è cambiato, è uno che va all’attacco e che nel tempo ha gestito meglio la parte difensiva, altrimenti non sarebbe tornato in Serie A. Oggi il calcio di Zeman va ancora e ha tutti gli ingredienti per fare bene”. “Si potrebbero dire tante cose – esordisce il Gaucho ai microfoni di ‘Diario di Bordocampo’, in onda su Radio Incontro – che Zeman rientra nel calcio che conta in una piazza importante come Roma, che è uno degli allenatori più bravi, ma il vero problema è che Zeman sia stato fuori dalla Serie A per tanto tempo, perchè lui è uno dei top mister. Zeman alla Roma è una notizia che fa bene al calcio”.

A margine della presentazione della campagna abbonamenti AS Roma 2012-2013, l’amministratore delegato Claudio Fenucci, intervistato da Roma Channel, ha fatto il punto sulla situazione tecnica: «Tra poco formalizzeremo il rapporto con il nuovo allenatore e da lì inizierà la costruzione di una squadra che spero dia quest’anno grandi soddisfazioni ai nostri tifosi. I tifosi sono il futuro e il presente di questa società – ha spiegato il dirigente – Insieme a loro vorremmo infatti portare avanti un progetto di squadra spettacolare e divertente, mantenendo al contempo quei contenuti di emozione e di passione popolare che solo la Roma può suscitare in Italia».

MERCATO – Una volta ufficializzato il nome del nuovo allenatore, in casa Roma si penserà alle strategie di mercato. Già nel prossimo week-end dovrebbe essere in programma una riunione tecnica tra Zeman e la dirigenza. I sogni (proibiti?) del boemo si chiamano Lorenzo Insigne e Marco Verratti, i due fulgidi gioielli del Pescara, reduci entrambi da una stagione favolosa. L’attaccante di proprietà del Napoli gradirebbe seguire le orme del boemo, come confermato da Fabio Andreotti, uno dei suoi due rappresentanti: “Non è legato al destino di Zeman ma certamente ha il suo peso ha detto a Tuttomercatoweb.com Per ora non siamo stati chiamati dalla Roma, ma per come lo stima non mi meraviglierei”. Ai microfoni di Sportal.it è invece intervenuto Donato Di Campli, agente del giovane centrocampista. Queste le sue parole: “Marco vuole restare in Italia. Non escludo una chiamata della Roma, tenendo presente che il Pescara vuole 12 milioni di euro per il cartellino”.

Verratti in giallorosso sostituirebbe, di fatto, Fernando Gago. Il Real Madrid non sembra voler abbassare le pretese economiche per il riscatto dell’argentino, le chances di una sua conferma nella Capitale diminuiscono. Nelle prossime è atteso nella Capitale l’agente Marcelo Lombilla per cercare di trovare una soluzione definitiva con i dirigenti della Roma. Il diretto interessato, a Fox Sports Radio, apre all’ipotesi di un ritorno al Boca Juniors: “Ci sono ancora molte cose da discutere sul mio futuro. Per ora mi piace stare nella Selecciòn. Non sarebbe male giocare di nuovo al Boca e con Riquelme”.

Sempre più vicino l’arrivo di Leandro Castan, 26enne difensore brasiliano in forza al Corinthians. Un’operazione tuttavia bocciata dall’agente Fifa Sabatino Durante: “Provai a portare Castan in Italia alcuni anni fa alla Sambenedettese di Dossena, ma poi l’affare non si concluse perchè non prese il passaporto comunitario – ha detto a calciomercatoweb.it – E’ un discreto giocatore, di 26 anni quindi margini di crescita limitati, che alla Roma credo possa fare panchina, non credo sia più affidabile di Juan e Kjaer”. Per la fascia sinistra, il nome nuovo è quello di Andrea Dossena del Napoli.

DI BARTOLOMEI – Il 30 maggio, per qualsiasi tifoso romanista, non potrà mai essere un giorno come un altro. Ventotto anni fa la finale di Coppa dei Campioni persa all’Olimpico (ai rigori) contro il Liverpool, diciotto anni fa la terribile notizia del suicido di Agostino Di Bartolomei, storico capitano del secondo scudetto targato Nils Liedholm. L’AS Roma, tramite la sua pagina Facebook, ha voluto rendere omaggio al grande Ago: “30 maggio 1994-30 maggio 2012: CIAO AGO, CAPITANO PER SEMPRE | 30 May 1994-30 May 2012: BYE AGO, CAPTAIN FOREVER”.


0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy