Ze Maria: “L’Inter è stata brava a coprirsi e la Roma è stata poco cinica”

“Stavo per venire nella Capitale, ho parlato anche diverse volte con Totti ma purtroppo non se n’è fatto nulla”

di Redazione, @forzaroma

Ze Maria, ex giocatore dell’Inter, è stato intervistato da Teleradiostereo e ha parlato della sconfitta dei giallorossi contro i nerazzurri e di un suo possibile passaggio alla Roma, non avvenuto. Queste le sue parole:

Su Inter-Roma:
“La Roma ha giocato meglio ma l’Inter e’ riuscita a vincere. L’Inter e’ stata brava a coprirsi e la Roma non e’ riuscita a perforare la difesa dell’Inter. Mancini e’ stato bravo nello schierare due esterni veloci per bloccare la velocita’ della Roma. Il modulo migliore per l’Inter? L’Inter ha giocatori veloci e bravi e secondo me dovrebbe schierare la squadra con un 4-2-3-1”.

Il gioco dell’Inter:
“Non ha una rosa per vincere il campionato ma credo potrara’ arrivare tra le prime 3. Ad eccezione di Roma e Fiorentina che giocano un bel calcio le altre, Inter compresa, non esprimono un grande gioco”.

Cambi modulo per Garcia:
“Tendenzialmente e’ meglio tenere un modulo base ma Garcia e’ molto bravo a variare modulo e giocatori. Ha una rosa forte e completa e non credo che i continui cambi di modulo possano incidere in negativo”.

Su Maicon:
“E’ un grandissimo giocatore, ha grande esperienza, non e’ il Maicon che ha vinto tutto con l’Inter ma e’ ancora un giocatore che fa la differenza. E’ un leader nato”.

Su Dzeko:
“Deve adattarsi al campionato italiano. In italia si fa un gioco meno fisico. E’ un grandissimo giocatore ma deve adattarsi”.

Su Kondogbia:
“Deve imparare ancora tantissimo ha grandi qualità ma deve crescere”.

Su Allan:
“Sta facendo un gran campionato. Segna e fa segnare”.

Sul Brasile:
“Purtroppo non c’e’ stato un cambio generazionale”.

Un possibile passaggio alla Roma:
“E’ successo diverse volte. Ho parlato anche con Totti diverse volte ma purtroppo non se ne e’ mai fatto nulla”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy