Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Zaniolo: “Spero di vincere con Mou, lui sa come si fa. Tifosi? Rapporto perfetto”

Getty Images

Il talento giallorosso ha parlato di Mourinho e della possibilità di alzare un trofeo in questa stagione: "Sarebbe motivo di grande orgoglio, sarebbe un punto di partenza e non un punto d'arrivo"

Redazione

Nicolò Zaniolo sta vivendo una stagione tra alti e bassi dopo il ritorno in campo dai i due infortuni. Il numero 22 giallorosso ha rilasciato una lunga intervista a UEFA.com, nella quale ha parlato di molti aspetti che lo legano a Roma sia come città che come squadra, partendo dalla tripletta realizzata nell'ultimo match di Conference League contro il Bodo, gol che hanno permesso alla Roma di approdare in semifinale e di potersi giocare la possibilità di riportare un trofeo nella Capitale che manca ormai da 14 anni.

Riavvolgiamo il nastro e torniamo alla partita contro il Bodø, raccontaci i tuoi gol. Iniziamo con il primo. "È stata la partita perfetta. Abbiamo fatto la fase difensiva e la fase offensiva in maniera eccezionale. Per quanto riguarda la tripletta sono molto felice perché ho aiutato la squadra a vincere la partita e passare il turno. Sul primo gol, nello specifico, quando vedi Lorenzo che ti guarda devi soltanto partire perché poi la palla ti arriva…”.

Sei partito anche qualche minuto dopo sul grande assist che ti ha servito Zalewski. "Anche lì ‘Zale’ ha fatto una grandissima cosa, ha fatto la transizione offensiva perfetta: poi ho visto lo spazio alle spalle del difensore e mi ci sono buttato, devo dire che è stato bravissimo lui a dare la palla e bravo io a concludere".

Bella la conclusione anche in occasione del 4-0, il tuo terzo gol personale.  "Sì, sapevamo che il Bodo sarebbe venuto con la linea difensiva alta e quindi ci lasciava molto spazio alle spalle. Quindi avevamo preparato durante l'allenamento ‘palla al terzino, poi scarico al centrocampista e lancio di prima in profondità’. Ed è venuta perfettamente! "

 Getty Images

Era dal 23 gennaio che non segnavi, dalla partita contro l'Empoli: qual è la prima cosa che ti è passata per la mente quando hai segnato il primo gol? "Non è mai stato la mia ossessione il gol, anche perché preferisco fare una grandissima prestazione e vincere la partita anche non segnando. Per fortuna sono riuscito a fare tre gol e ad aiutare la squadra, quindi sono ancora di più felice. Però non è mai stata una mia ossessione.

È stata la tua prima tripletta nella Roma e anche la tua prima in carriera: l'avevi immaginata così? "L'avevo sognata così! Non l'avevo immaginata. Stadio pieno, 65mila persone e quarti di finale di una coppa europea, partita decisiva dell'anno. Sì, l’avevo sognata così. Dico la verità, a inizio partita era difficile pensarlo, che potesse succedere, però alla fine ci sono riuscito e sono felicissimo".

Calcisticamente parlando si può definire quella contro il Bodo la notte più bella della tua carriera? "Sì, direi che è stata una delle notti più belle della mia carriera. A partire dall'esordio al Bérnabeu, la doppietta contro il Porto e questa tripletta contro il Bodo sì, sono le tre notti più significative della mia breve carriera, fino ad ora. Anche perché si tratta di tre notti europee".

José Mourinho: come è lavorare con lui, com'è il vostro il vostro rapporto e quali consigli ti dà? "Mourinho è uno dei più forti allenatori al mondo! Ha inculcato a tutti l'arte del non mollare mai, dell’essere sempre sul pezzo, dell’unirci l'uno per l'altro per portare a casa i risultati. E speriamo di vincere qualcosa con lui. Dal primo giorno che ci siamo riuniti a Trigoria, abbiamo subito lavorato giorno dopo giorno e tassello dopo tassello per provare a fare qualcosa di importante quest'anno. Con il mister che sa come fare a vincere, penso che abbiamo più possibilità".

 Getty Images

La semifinale contro il Leicester: che tipo di impegno ti aspetti? "È una semifinale europea. Il Leicester è una squadra forte. Corrono tanto, sono una squadra fisica, la classica squadra inglese. Noi però siamo forti, siamo la Roma, abbiamo dimostrato quest'anno di potercela giocare con tutte: non abbiamo paura, andiamo a giocarci la partita con le nostre carte e con i nostri mezzi".

Che cosa significherebbe per te vincere un trofeo europeo?  "Sarebbe motivo di grande orgoglio, sarebbe un punto di partenza e non un punto d'arrivo. Per i tifosi significherebbe tantissimo, come per noi! 14 anni di attesa per un titolo sono un po’ troppo tempo. Quindi noi quest'anno ci proveremo a portarlo a casa. Per quanto riguarda il mio rapporto con i tifosi è sempre stato perfetto, eccezionale: sono sempre stati al mio fianco, anche nei momenti brutti degli infortuni. Forse lì ho ricevuto ancora più affetto rispetto a quando gioco: io i tifosi devo soltanto ringraziarli. Saranno sempre nel mio cuore".