Di Francesco: “Zaniolo poco tutelato. Baldini? Il mio referente è Monchi” – AUDIO – FOTO – VIDEO

Di Francesco: “Zaniolo poco tutelato. Baldini? Il mio referente è Monchi” – AUDIO – FOTO – VIDEO

Alla vigilia del match con il Frosinone, in programma domani alle 20.30, parla il tecnico giallorosso

di Redazione, @forzaroma

Frosinone-Roma domani chiuderà il sabato di Serie A e oggi Eusebio Di Francesco presenta la sfida in conferenza stampa. Appuntamento a Trigoria alle 15 con le parole del tecnico giallorosso che risponde alle domande dei cronisti presenti.

Dal punto di vista delle motivazioni le prossime sfide sono con Lazio e Porto. Il rischio è pensare a queste o teme di più la voglia di salvarsi del Frosinone?
La partita più importante è la prossima, quella con il Frosinone. Abbiamo già dimostrato, come con il Bologna, che prendendo sottogamba una squadra che lotta per la salvezza si rischia di fare figuracce. L’approccio è fondamentale. Non possiamo sbagliare. Troveremo un Frosinone che ha fatto bene in casa con la Lazio in casa. Non sarà semplice, loro hanno vinto a Genova con la Sampdoria. Hanno un’identità e un modo di pensare e dovremo essere bravi ad approcciarla.

Sui diffidati 
Giocheranno sicuramente alcuni di questi quattro diffidati. Il concetto sbagliato dell’ambiente è pensare sempre alle prossime. Farò valutazioni in base al turnover e a chi ritengo che debba recuperare energie anche nervose e che ho visto magari meno lucido nell’ultima partita.

Zaniolo potrebbe riposare?
Potrebbe, ma non diamo vantaggi a nessuno. Zaniolo per l’età che ha ha giocato veramente tanto e a ritmi altissimi. Non possiamo pretendere faccia tutte le partite a un determinato livello. E’ probabile che possa partire dalla panchina.

Sulla gestione di De Rossi volevo sapere le condizioni? Resta il centrocampo a 3?
Sarà della partita e giocherà titolare. Ieri non si è allenato e oggi scenderà in campo con la squadra. Sarà il nostro capitano. Per quanto riguarda il sistema di gioco possibile che giocheremo 3-5-2 (ride, ndc). A specchio come il Frosinone.

Under è pronto per giocare dall’inizio?
Non sarà convocato perché non è pronto.

Pastore come sta dal punto di vista psicologico? E Perotti, invece, da quello fisico?
Non può essere felice Pastore di aver giocato l’ultima a Firenze. Ma posso dirvi che si sta allenando molto bene, al di là delle scelte che farò e che saranno dettate da un punto di vista tecnico, sono contento dei suoi allenamenti e lui si ferma più degli altri per ritrovare una condizione fisica adeguata. E’ uno di quei giocatori che si può vedere a Frosinone. Diego si è allenato con maggiore continuità e potrebbe essere della partita.

Che effetto le fa che Baldini si occupa o viene accostato a situazioni strategiche della Roma?
Siccome è un ambiente che destabilizza e trova cose senza senso come questa storia qui a me non interessa nulla. Il mio referente resta Monchi. Tutto il resto sono chiacchiere. A me piace parlare di calcio e voi dovreste approfittare di questo, ma avete maggiori interessi parlando di altro. Io sono dell’idea che mi interessa il Frosinone e basta.

Dzeko non ha mai segnato a Frosinone e ritrova l’arbitro di Firenze. Si aspetta qualche chiarimento prima della partita?
Il calcio è fatto anche di litigi e giornate storte. Erano un po’ tutti nervosi quella partita, compreso Edin. Mi auguro che vada tutto per il meglio e che faccia gol perché domani sarà l’attaccante titolare. Per me l’importante è vincere.

Kluivert domani sarà titolare?
Si giocano il posto in tre: El Shaarawy, Perotti e lui. Non ci sono tanti esterni e tante volte ho dovuto adattare Florenzi e Zaniolo. In questo caso deciderò domattina tra i tre chi giocherà dall’inizio.

Col Bologna abbiamo parlato di mancata reattività della squadra. Quanto sarà importante recuperarla col Frosinone?
Quando una squadra si schiaccia essere imprevedibile non è facile perché ti aspettano. Se li tiri fuori puoi creare delle situazioni interessanti. Non è mai facile contro una squadra attendista, non sarà una partita facile, sarà complicata. E’ una gara differente rispetto a quella con il Bologna, sia per gioco che per calciatori. Ma dobbiamo approcciare alla partita in maniera differente, con una testa diversa.

E’ sembrato che nell’ultimo mese e mezzo Zaniolo sia stato poco tutelato dall’arbitro. Ha notato questo? Come sta vivendo il ragazzo questo momento?
Se gli dovessi parlare solo per difenderlo gli creerei degli alibi. Deve capire che è un giocatore fisico e non deve sempre andare a terra. Ci sta che possa prendere un giallo ogni tanto perché è un calciatore di impeto. Sui pochi falli fischiati è vero, spesso è stato poco tutelato, ma non dico che sia stato preso di mira.Gli avrebbero dovuto fischiare qualche fallo in più.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy