Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Zaniolo-Mourinho, cosa succede: giovedì la chance per il riscatto

Getty Images

Mourinho sa quanto è importante Nicolò e lo ha coccolato per tutto l’inizio stagione. Però ora vuole risposte sul campo

Redazione

Entra Afena-Gyan, e non Zaniolo. Al minuto 74 di Genoa-Roma la maggior parte delle persone si è chiesta: “Perchè?”. Poi arriva la doppietta di Felix e si capisce perché Mourinho è un allenatore con 25 trofei in bacheca e chi ha fatto la domanda (giustamente) fa altro nella vita. Ma la mossa vincente dello Special One non può nascondere un fatto di cronaca: Nicolò Zaniolo è rimasto in panchina. Dopo due settimane passate ad allenarsi a Trigoria per il no alla Nazionale (causa dolore muscolare) e dopo l’altra panchina contro il Venezia. E soprattutto al termine di una settimana in cui si era vociferato di un diverbio con Mourinho derubricato poi a “questioni di campo”. L’esultanza del numero 22 al gol di Felix cancella voci di una frattura, e lo ha rimarcato lo stesso portoghese al termine del match: “Mi è piaciuta la sua esultanza col gruppo. In questo modulo (il 3-4-1-2), lui può giocare nei due d’attacco, ma ha bisogno di più spazio. Il Genoa questo spazio non lo ha concesso e Felix è bravo ad attaccare in verticale. Visto l’atteggiamento in panchina però posso dire che giocherà le prossime con Zorya o Torino”.

Quando torna a giocare Zaniolo?

Promessa di ritorno in campo e magari aspettativa di reazione come avvenuto con Mkhitaryan. Caso chiuso, o forse mai caso è stato aperto. Almeno per ora. Mourinho sa quanto è importante Zaniolo e lo ha coccolato per tutto l’inizio stagione. Però ora vuole risposte sul campo, e possibilmente meno voci fuori. Da tempo infatti si parla del rinnovo. Ma il club vuole aspettare mentre qualche club ricomincia a farsi vivo col suo entourage. Pericolo di cessione? Per ora no, ma il ragazzo ha manifestato nelle ultime settimane un po’ di scoramento. Forse si aspettava di poter tornare al top dopo il terribile doppio infortunio, ma serve tempo. E pazienza. Quella che a volte manca ai ragazzi della sua età. Non a caso ieri Mourinho elogiando Felix lo ha fatto presente: “Qualche volta nelle nuove generazioni incontri ragazzi che non hanno umiltà e pensano di sapere tutto, lui invece vuole imparare e ha un’evoluzione fantastica”.