Zaniolo: “La Roma mi ha cambiato la vita, come potrei non amarla?”

Il numero 22 giallorosso dedica parole al miele per la società capitolina: “Mi sta facendo diventare un uomo”

di Redazione, @forzaroma

Nicolò Zaniolo regala parole al miele per la Roma. Il numero 22 giallorosso, alle prese con il recupero dall’infortunio, ha parlato del suo trasferimento e di come la società capitolina lo abbia fatto crescere al magazine Icon: “La Roma mi ha cambiato la vita, in tutti i sensi. Mi ha preso da ragazzino e mi sta facendo diventare uomo, mi ha dato l’opportunità di giocare, mi ha regalato tutta questa popolarità. Come posso non amarla”. Sulla sua esperienza come calciatore aggiunge: “Non mi sento affermato, sento che ogni giorno devo lavorare per diventarlo: sono un ragazzo con tante potenzialità, ma che deve migliorare sotto tanti aspetti. In una squadra come la Roma di pressioni ce ne sono di più che in una squadra normale: sta a me gestirle nella maniera giusta, e io lo faccio allenandomi sempre al massimo”. Zaniolo è alle prese con la riabilitazione a seguito della rottura del legamento crociato, proprio quando era tornato a giocare diversi mesi dopo dallo stesso infortunio all’altro ginocchio: “Sono state delle mazzate, ma devo dire che mi hanno fatto crescere da un punto di vista umano e caratteriale”. Nonostante l’infortunio, l’Europeo rimane un obiettivo alla portata del numero 22 che, se dovesse filare tutto liscio, potrebbe tornare in campo già ad aprile: “Ce la metterò tutta per arrivarci al cento per cento, e poi provare a vincere”.

Zaniolo ha ricordato anche i giorni precedenti al suo arrivo in giallorosso, quando ha fatto il salto di qualità passando dalle giovanili dell‘Inter alla prima squadra della Roma: “Due giorni prima della firma con la Roma mi arriva un messaggio da parte di De Rossi, che era capitano: ‘Benvenuto in famiglia’. Ho subito capito che persona era, si è rivelato un campione dentro e fuori dal campo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy