Viviani, tra un tocco dolce e un rendimento da leader

Il centrocampista scuola Roma sta facendo molto bene in questa stagione in Serie B con il Latina. Con questo rendimento è destinato a rientrare alla base

di Redazione, @forzaroma

Un tocco di palla, delicato, dolce, di testa e di cuore. Di quelli che, ogni volta, tengono col fiato sospeso il Francioni e il Latina. A ogni punizione, lo stadio trattiene il respiro e immagina il prossimo urlo di gioia. Dai suoi piedi passa la rinascita, la salvezza. Un presente, da protagonista, in Serie B. Un futuro da grande già prenotato, con la Roma nel destino e un interesse su di lui che varca i confini italiani. Federico Viviani, anche ieri una prestazione da grande. Al Dall’Ara di Bologna si è vista la personalità e il talento che stanno conquistando tutti. Roberto Breda prima e Mark Iuliano poi lo hanno messo al centro del progetto nerazzurro, affidandogli il centrocampo e le chiavi della squadra. Costanza di rendimento, il talento di chi è destinato a lasciare il segno. In Serie B, come nel grandissimo calcio. 24 presenze stagionali, 6 gol, 4 assist.

Numeri da leader, che aprono un sentiero luminoso, verso le vette più alte. Forse, chissà, verso la Nazionale, dove potrebbe diventare il padrone del centrocampo del futuro insieme a un altro giovanotto come Cataldi, che in Serie A già incanta con la maglia della Lazio. L’estate scorsa vicinissimo all’addio all’Italia: lo voleva il Leeds United di Massimo Cellino, ha scelto di rimanere in provincia, per crescere e per conquistarsi una maglia importante. Lo vogliono in tanti, primo fra tutti l’Empoli di Maurizio Sarri, che lo avrebbe scelto per il futuro del centrocampo azzurro, data la probabile partenza a fine stagione di Mirko Valdifiori. Un profilo che sarebbe perfetto per il club: giovane, prospettiva, talento incredibile. Da quelle parti, si sa, sono maestri a far crescere questo tipo di giocatori.

Federico Viviani, ora, è a Latina in prestito con diritto di riscatto dalla Roma, con possibilità, da parte del club giallorosso, di controriscattarlo. Il club del Presidente Pallotta vuole riportarlo nella capitale, nonostante per lui ci sia la fila. Bologna, Palermo in Italia, il Newcastle in Inghilterra. Sirene affascinanti, prestigiose, che però non cambiano i programmi di Federico, pronto a tornare da protagonista all’Olimpico, dopo aver iniziato nelle giovanili giallorosse e con 9 presenze fra campionato, Coppa Italia ed Europa League della stagione 2011-2012. L’anno dopo, l’arrivederci alla Roma e l’inizio dei prestiti: Padova (23 presenze e 2 gol), Pescara (27 partite e 5 gol) e ora Latina. Viviani, sempre con la calma dei grandi, sempre con quel tocco dolce, delicato, capace di accendere i cuori. Con il domani tinto di giallorosso, per chiudere il cerchio del destino.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy