Villarreal, Sansone: “Nessuna paura”. Escribá: “Roma tra le favorite del torneo”

Il tecnico degli spagnoli: “Il sorteggio non ci ha portato fortuna, la Roma è tra le quattro squadre che non avrei voluto”

di Redazione, @forzaroma

Torna l’Europa League. La Roma domani sera affronterà all’Estadio de la Ceramica il Villarreal di Fran Escribá, tecnico che questa mattina ha incontrato i giornalisti nella consueta conferenza stampa della vigilia. Con lui anche il fantasista italiano ex Sassuolo Nicola Sansone.

DOMANDE PER SANSONE

Che sensazioni avete per domani? Avete motivazioni extra come avete avuto contro Siviglia e Real Madrid?
Sensazioni positive, speriamo di giocare una buona partita, come proviamo a fare sempre e non solo contro il Real. Speriamo di giocare una buona partita domani.

Conosci bene la Roma, come la affronterai?
Conosco bene la Roma, ci ho giocato contro tante volte. È una squadra forte, ancora di più ora perché in fase difensiva sono migliorati. Anche noi siamo forti, vedo una partita equilibrata e sarà un grande spettacolo.

Percentuali di successo? Pellegrini è da grande squadra come la Roma?
Qua non ci sono percentuali, è una partita di calcio e tutti possono vincere. Lorenzo è un grande giocatore per il futuro, credo possa giocare nella Roma.

Come vedi la mancanza di gol nel Villarreal?
Si è vero, sicuramente ci mancano i gol ma stiamo difendendo bene. Sono sicuro che il gol arriverà perché stiamo lavorando bene.

Come paragoni il livello della Roma in Spagna? Atletico Madrid e Siviglia?
Sicuramente in quel gruppo di squadre, sono al livello di Siviglia e Atletico.

Anche se la Roma viene da una serie di vittorie non sembra che tu abbia paura di loro…
No, io non ho paura di nessuno, né del Barcellona, né del Real, né della Juve o della Roma. Alla fine in campo saremo undici contro undici, possono vincere entrambe le squadre.

DOMANDE PER ESCRIBA’

Come sta la squadra?
La squadra sta molto bene, sono tutti disponibili ma solo domani prenderò decisioni per la formazione. Giocheranno sicuramente i migliori.

Tutti disponibili per la prima volta in stagione. Ha recuperato anche Roberto…
Roberto è disponibile, avevo bisogno di un segnale da lui. È molto importante per noi, ma se non gioca domani può farlo domenica o a Roma.

Tatticamente che partita sarà? Voi giocherete un po’ a contenere la Roma o farete il vostro gioco?
Proveremo ad essere noi stessi, proveremo a segnare. Dovremmo fare tanta attenzione alle punizioni, ai corner e a non fare falli. Sono molto veloci sulle fasce, ma dobbiamo difendere bene perché ci sarà anche una partita di ritorno. No alle decisioni pazze.

Anche la Roma è seconda come il Napoli quando è venuto a giocare qui. Giocherete come avete fatto con i partenopei?
Storicamente il Villarreal contro le squadre italiane ha fatto dei risultati positivi, ma la statistica non serve per il presente. Sappiamo che la Roma è forte ma daremo il 100%. Non dobbiamo commettere errori in zone del campo pericolose.

Lei vuole di più dai tifosi?
Non mi piace chiedere ai tifosi, bisogna dargli. Loro domani daranno tutto. Sarà una partita difficile, ma se giocheremo al 100% sarà una partita equilibrata. La partita di domani è importante anche per il club e i tifosi.

Tredici anni fa si è giocata la stessa partita: il 13 marzo, un giorno triste per il paese…
Non sapevo questo dato, quel giorno è stato molto triste e la partita non si sarebbe dovuta giocare. Pensiamo a giocare e a divertirci contro una squadra che è favorita per vincere il trofeo. Non è una squadra che avremmo voluto incontrare.

Due squadre uscite dal preliminare di Champions…
Il sorteggio non ci ha portato fortuna, la Roma è tra le quattro squadre che non avrei voluto incontrare. È una partita molto importante, non dobbiamo pensare che la Roma sia più forte di noi, ma dobbiamo dare tutto e giocarcela. È una partita che ci dirà a che livello siamo.

Totti è l’unico giocatore che c’era tredici anni fa..
Per la sua età non sta giocando tanto come prima, però è un giocatore grandissimo, viene rispettato ovunque. Vedendo le partite della Roma, quando Totti si scalda l’ambiente è già diverso. E’ un giocatore importantissimo, ma lo sono anche gli altri.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy