Villar sulla ripresa della Serie A: “Non vedo l’ora, ma speravo di ricominciare il 13 giugno”

Lo spagnolo sull’esordio dal primo minuto: “Ad essere sincero, non ero nervoso e mi sono divertito dall’inizio alla fine”

di Redazione, @forzaroma

Gonzalo Villar, arrivato nell’ultima sessione di mercato dall’Elche, è il protagonista Q&A  sul profilo Twitter del club. Tanti i temi trattati, anche quello della ripartenza della Serie A. Di seguito le sue parole:

La Serie A ripartirà il 20 giugno, sei felice?
Non vedo l’ora di iniziare !!! Speravamo riprendesse il 13, ma dovremo aspettare ancora un po’. Vuol dire che avremo più tempo per lavorare sui muscoli.

L’ultima partita con il Cagliari è stata la tua prima da titolare. Che ricordi hai del match?
Ad essere sincero, non ero nervoso, non vedevo l’ora di iniziare la partita e mi sono divertito da quando siamo saliti sull’autobus per andare allo stadio fino alla fine della partita.

Chi è il giocatore più pazzo della squadra?
Dico Spinazzola! Il più serio non lo posso dire perché siamo una squadra divertente, facciamo tante sempre battute tra di noi!

Neanche Kolarov puoi definirlo serio?
“Kolarov mi ha trattato dal primo giorno come un fratello più piccolo (ride, ndr).

Cosa hai provato quando hai saputo dell’interesse della Roma? Come sono stati i tuoi primi giorni nella Capitale?
Prima ero sorpreso, poi quando è diventato reale ne sono stato felice! Quando sono arrivato qui ho ricevuto una quantità di supporto era surreale da parte dei tifosi. Non vedo l’ora di restituirlo in campo. 

Com’è il tuo rapporto con Carles Perez?
È stato incredibile essere insieme nella nostra prima esperienza all’estero! Ci siamo incontrati nella nazionale spagnola U21, quindi ora è molto bello per noi ritrovarci a vicenda.

Quando farai il tuo primo gol?
Spero arrivi presto. Sarebbe un peccato non poterlo celebrare davanti alla nostra folla.

Quanto sono diversi gli allenamenti dall’Elche alla Roma?
Per me è fantastico che gli allenamenti siano simili tra qui e l’Elche, perché ad entrambi gli allenatori piace giocare a pallone e lo stile è simile! Con mister Fonseca sto imparando ogni giorno.

Cosa ne pensi di Roma come città?
Sono già innamorato di questa città. Eè la più bella del mondo… tutta la famiglia e gli amici non vedono l’ora di venire non appena sarà possibile.

Come hai affrontato la quarantena?
Ero solo durante la quarantena. E’ stato difficile perché sono un tipo a cui piace stare in famiglia ma dovevamo stare al sicuro a casa per rispettare il club e il paese, quindi è quello che abbiamo fatto tutti i giocatori! Ho cucinato, studiato un po’ e ho giocato troppo alla PlayStation.

Qual è il tuo ruolo preferito?
Preferisco giocare a centrocampo e con un altro compagno vicino a me e un dieci davanti a noi, ma mi trovo bene anche con un centrocampo a tre.

C’è qualcuno a cui ti ispiri?
Mi piace vedere Dani Parejo del Valencia e Frenkie De Jong!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy