Vienna, scontri tra polizia e tifosi: due romanisti arrestati, nelle prossime ore saranno rimpatriati – FOTO – VIDEO

Davanti allo stadio le forze dell’ordine hanno iniziato a colpire i sostenitori giallorossi con delle manganellate dopo che le due tifoserie sono entrate a contatto

di Redazione, @forzaroma

VIENNA, dal nostro inviato – Pre-partita agitato in quel di Vienna. Ad un’ora dal fischio d’inizio della sfida di Europa League tra la Roma di Spalletti e l’Austria Vienna di Fink, davanti all’entrata dell’Ernst Happel Stadion si è registrato uno scontro tra una trentina di tifosi giallorossi e la polizia austriaca.

LA DINAMICA
Circa una trentina di tifosi stavano entrando in corteo allo stadio intonando cori della Roma, la tifoseria viola e quella giallorossa sono entrate in contatto, dopo qualche minuto è intervenuta la polizia con una carica verso i tifosi della Roma facendo uso di manganelli. Pochi secondi dopo sono arrivati ulteriori rinforzi con una camionetta a sirene spiegate. Durante gli scontri è stato fermato dalle forze dell’ordine un ragazzo vestito con jeans, giacca nera e scarpe da ginnastica bianche: il tifoso romanista è stato immobilizzato a terra e ammanettato per poi essere trascinato all’interno dell’Ernst Happel Stadion. Attualmente è stato di fermo e il Club si sta adoperando per capire costa è successo. Successivamente fermato anche un altro sostenitore giallorosso.

CRONACA

Ore 21.38 – I due tifosi giallorossi che erano stati fermati sono passati ora in stato di arresto, con l’accusa di aver lanciato delle pietre contro la polizia. Nelle prossime ore saranno rimpatriati.

Ore 23.30 – I due tifosi della Roma saranno rimpatriati nelle prossime ore, anche se saranno segnati ‘con la matita blu’ dalle autorità austriache. Inoltre, su richiesta del club giallorosso è intervenuta anche la Digos che ha seguito la squadra a Vienna, ma ancora non si conosce quale sarà l’iter giudiziario per i due tifosi una volta rientrati in Italia.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy