Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Verdone: “Zaniolo penalizzato dagli arbitri, Mourinho non basta”

Getty Images

L'attore e grande tifoso della Roma parla della squadra dei Friedkin che non sta vivendo un momento felice

Redazione

La Roma non sta vivendo un momento facile. Dopo il pareggio e le polemiche contro il Genoa, la sconfitta contro l'Inter in Coppa Italia e lo sfogo di José Mourinho negli spogliatoi di San Siro, i giallorossi si devono rialzare dopo la sosta. Di questo e di molto altro, ha parlato Carlo Verdone, attore e regista romano e romanista, s "Il Diabolico e il Divino”, programma radiofonico in onda su New Sound Level 90FM.

"Io credo che ci sia un po’ un’assenza della società, perché in realtà nessun tifoso ha mai sentito la voce di Friedkin - ha iniziato Verdone -. All’inizio andava anche bene, però dopo un po’ si devono far sentire. Nel calcio e soprattutto nella Roma, è importante entrare negli spogliatoi e far sentire la propria voce, non basta quella di Mourinho, serve quella del presidente e del figlio del presidente. Stanno tutti e due quasi sempre allo stadio, devono andare negli spogliatoi si devono anche arrabbiare certe volte, devono motivare anche loro la squadra perché non basta Mourinho come motivare".

L'attore ha continuato a parlare della presidenza della Roma, definita  "un po’ latitante in questo momento, deve farsi sentire coi calciatori". "Serve un personaggio importante, Boniek o Falcao? Andrebbero benissimo, servono personaggi importanti con esperienza internazionale che sicuramente farebbe bene lavorando insieme all’allenatore".

"Comunque il problema di questa squadra secondo me è la mancanza di una fisionomia ben precisa; qualsiasi squadra, anche debole, ha una sua fisionomia e una sua definizione - ha continuato ancora Verdone -. Questa squadra invece sembra che stia insieme con difficoltà, è un mosaico attaccato con lo scotch. Non so se è stato fatto un buon lavoro di acquisti abbiamo preso dei buoni giocatori ma non basta perché la squadra è un mosaico dove troppi pezzi non combaciano. Diciamo sempre: il prossimo anno bisognerà fare un grandissimo lavoro, ma questo significa prendere almeno 5 giocatori. L’esigenza è rivoluzionare tutto, non c’è niente da fare".

"Dopo i 6 goal presi dai norvegesi ho pensato che non ‘era più nulla da fare. Noi abbiamo perso un terzo delle partite, non è assolutamente accettabile, significa galleggiare a metà classifica con tendenza verso il basso e c’è molta frustrazione per questo. Io mi sono accorto l’altro giorno mentre guardavo la partita contro il Genoa che a un certo punto non ero più attratto dal gioco e mi ero distratto. E questo è un brutto segno", ha detto ancora.

E poi Verdone ha parlato anche di Zaniolo, uno dei giocatori del momento: "Zaniolo ce la mette tutta, è un ottimo giocatore, molto potente, non può che crescere ed è stato indubbiamente penalizzato da certi arbitraggi, questo è sicuramente vero. Intorno a Zaniolo però bisogna mettere un mosaico che combacia, ha bisogno dei giocatori che vanno d’accordo con lui, con ruoli chiari manca il regista, mancano i giocatori di fascia, mancano un bel po’ di giocatori alla Roma. Abraham è bravo ma prende solo traverse, è un ‘traversaro’". Infine, ha concluso con un parere su Vlahovic: “Vedendo il caso Vlahovic, ho provato dispiacere per i tifosi della Fiorentina, ogni volta che hanno un giocatore che funziona glielo portano via e spesso va alla Juve. Stessa cosa è successa anche alla Roma, che ha perso giocatori che stanno dominando nel calcio europeo messi nel contesto giusto. Mi viene in mente Salah che nel campionato inglese fa faville perché ha la squadra giusta”.