Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

news as roma

Venezia-Roma, Cesari: “Ci dev’essere un punto in comune tra gli arbitri”

Getty Images

L'ex arbitro ha parlato ai microfoni di Centrosuonosport dell'episodio di domenica durante il match tra i giallorossi e i veneti

Redazione

L'ex fischietto Graziano Cesari è stato intervistato ai microfoni di Centrosuonosport, dove ha parlato dell'episodio del calcio di rigore assegnato al Venezia nella sfida di domenica. Riguardando il contatto al video, quello tra Cristante e Caldara non sembra essere un fallo per il tiro dagli undici metri e Cesari ha confermato il pensiero di molti. "Ieri mi sono arrabbiato. Alla nona giornata, in Inter – Juventus, l’arbitro ha cambiato idea grazie al VAR - ha ricordato l'ex arbitro - All’undicesima non è intervenuto nessuno per far rivedere il fallo di Kjaer su Pellegrini. Ieri è stato fischiato di nuovo lo stesso episodio. Ci dev’essere un punto in comune tra gli arbitri, una linea di condotta".

Tra le varie domande, gli è stato chiesto quale consiglio darebbe alla classe arbitrale: "In questo momento Rocchi sta facendo tutto il possibile. Quello che per me è inaccettabile è che non si voglia sfruttare un sistema televisivo che ti dà informazioni corrette. Bisognerebbe cominciare a sospendere gli arbitri che fanno errori del genere. Come tocchi qualcuno sul portafoglio, l’attenzione aumenta. Se non vai ad arbitrare non prendi soldi, inevitabilmente si sta più attenti. Usare a singhiozzo questo strumento è follia".